Salute che fare

Blog su Salute & Benessere

Progetto “Me Me Me”: si cercano volontari per prevenire sindrome metabolica e tumori

progetto-me-me-me

Che cos’è il progetto “Me Me Me”? E’ un idea nata da alcuni medici facenti parte dell’associazione DLF di Milano, i quali si occupano di ricerca nel campo alimentare. L’acronimo sta a significare le malattie da sindrome Metabolica, la dieta Mediterranea ed in ultimo la Metformina.

In sostanza il progetto vuole fare prevenzione gratuita di malattie croniche come la sindrome Metabolica con rimedi naturali come la dieta Mediterranea e la Metformina.

Come e perché fare i volontari per “Me.Me.Me”

Coloro che volessero aderire a questa bella iniziativa dovranno avere tra i 50 e i 79 anni, essere sovrappeso, avere la pressione, il colesterolo ed i trigliceridi alti.

Ad essi vengono offerti esami del sangue gratuiti, una visita clinica approfondita e dei corsi di cucina con esperti nutrizionisti.

Coloro che decideranno di aderire a questo programma di studio verranno suddivisi in due grandi gruppi. Un gruppo otterrà pillole di Metformina da prendere 2 volte al giorno, l’altro gruppo avrà il placebo. La metà dei volontari potrà ricevere aiuto attraverso corsi di cucina mirata alla corretta nutrizione e ginnastica mensili, mentre l’altra metà li riceverà ogni 6 mesi. Il tutto per una durata complessiva di 5 anni.

Quali sono i sintomi riconoscibili di una possibile sindrome Metabolica

La purtroppo famosa sindrome metabolica non perdona: sono in aumento i rischi di malattie croniche come il diabete, ma anche malattie cardiache, tumori e demenze.

Tutti i pazienti hanno in comune almeno 3 dei seguenti fattori:

  • Obesità dell’addome (circonferenza vita che supera i 100 cm per gli uomini ed 85 cm per le donne);
  • Valori di glicemia alta (oltre 100);
  • Valori di trigliceridi alti (oltre 150);
  • Valori bassi del colesterolo HDL (sotto 50);
  • Pressione alta (con la minima oltre 85 e la massima oltre 130).

Da cosa dipende l’insorgenza di tumori e di sindrome metabolica

L’alimentazione è la fonte di molti dei disturbi dell’uomo moderno. Una dieta troppo ricca di cibi come carni rosse, formaggi, farine raffinate, salumi, patate e pane, tutti con un alto indice glicemico e/o di zuccheri, grassi saturi, proteine e sale fa ammalare il nostro organismo.

La dieta mediterranea, tutta da riscoprire propone invece cibi salutari e di lenta digestione come: legumi, cereali non raffinati, olio extravergine di oliva, semi, pesce ed in qualche occasione altri cibi di origine animale.

Alcuni studi hanno dimostrato che questa dieta riduce non solo il rischio di cancro e di diabete ma previene anche l’insorgenza di infarti, ictus e demenza.

Il farmaco prescritto, la Metformina riduce la possibilità di insorgenza di malattie cardiache e di cancro.

A chi è rivolto il progetto Me Me Me

Il progetto è rivolto a tutti gli individui con le seguenti caratteristiche:

  • Obesità addominale con circonferenza della vita superiore a 100 cm per gli uomini e ad 85 cm per le donne;
  • Età compresa tra i 50 e i 79 anni;
  • Disponibilità ad assumere per un periodo di 5 anni 2 compresse al dì (potrebbero essere di Metformina o di placebo);
  • Disponibilità a partecipare a corsi di attività motoria e a corsi di cucina (mensili o semestrali);
  • Non avere avuto infarti, ictus o tumori maligni;
  • Non essere affetto da diabete e non assumere nessun farmaco per il diabete.

Tutti gli interessati a partecipare a questa iniziativa potranno contattare l’istituto Nazionale dei Tumori di Milano ai seguenti recapiti telefonici:

  • 02 23903573 Dottoressa A. Oliverio mail andreina.oliverio@istitutotumori.mi.it
  • 02 23903848 Dottor I. Baldassarri mail ivan.baldassarri@istitutotumori.mi.it
  • 02 23902868 Sig.ra P. Curtosi mail diana@istitutotumori.mi.it