SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

LdF2018copia

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

OSTETRICIA

{

CERCO UN BIMBO

GRAVIDANZA

Villocentesi
La villocentesi è un’indagine invasiva prenatale che permette di diagnosticare precocemente anomalie genetiche o cromosomiche. 
L’esame consiste nel prelievo dei villi coriali dalla placenta, eseguito attraverso l’inserimento di un ago per via addominale, sotto controllo ecografico e in ambiente sterile. 
Poiché i villi coriali hanno origine dallo stesso tessuto che serve a nutrire l’embrione, il loro prelievo serve ad evidenziare diverse patologie quali sindrome di Down, fibrosi cistica, distrofia muscolare e microcitemia, che potrebbero aver colpito il feto.
 
È preferibile eseguire il test fra l’11ª e la 12ª settimana di gravidanza, in particolare nei seguenti casi:
 
  • Donne di età superiore ai 35 anni
  • Anomalie cromosomiche in uno dei genitori, 
  • Malattie genetiche ed ereditarie in famiglia
  • Figli precedenti affetti da anomalie
  • Presenza di anomalie durante l’esame ecografico.
 
Il Sistema sanitario nazionale (SSN) prevede che l’esame sia completamente gratuito per le donne di età superiore ai 35 anni o per le donne che hanno un rischio aumentato di patologie cromosomiche. 
Pur essendo un esame invasivo, viene svolto senza sedazione e ambulatorialmente in quanto associato a bassi fattori di rischio, spesso legati all’esperienza dell’operatore che lo esegue.
La complicanza più frequentemente osservata dopo la villocentesi è l’aborto, ma il rischio si aggira intorno all’1%. Per la madre i rischi sono rari: possono verificarsi perdite di sangue e di liquido dai genitali, contrazioni uterine, infezioni intrauterine con febbre. 
Per prevenire l’isoimmunizzazione Rh (produzione di anticorpi materni contro il fattore Rh del feto), in caso di madre con Rh negativo e partner Rh positivo, viene eseguita l’immunoprofilassi anti-D dopo l’esame.
A fronte di un’accuratezza diagnostica del 98%, l’esame fornisce due tipi di risposta: una diagnosi precoce che utilizza il metodo diretto dopo 2-3 giorni e una diagnosi definitiva dopo 15-20 giorni dall’esame colturale.
 
 
 
Pubblicato il 16/11/2015
Calcola la data
presunta del parto
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!