SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

MALATTIE CARDIOVASCOLARI

{

PRINCIPALI MALATTIE

CARDIOVASCOLARI

Morte improvvisa da sport
La morte improvvisa da sport è generalmente provocata dal blocco della funzione cardiaca di origine meccanica o più frequentemente elettrica, quando ad essere coinvolto è il sistema di conduzione nervoso del miocardio. 
Se la causa è di tipo meccanico, come nel caso della rottura dell’aorta o di un aneurisma di un’arteria cerebrale, si verifica un’emorragia grave e inarrestabile; se invece è di tipo elettrico, l’arresto cardiaco è riconducibile alla comparsa di un’aritmia, che può insorgere per esempio in seguito all’alterazione elettrica dei ventricoli che perdono il loro ritmo regolare. 
Quindi, contrariamente a quello che pensa chi si avvicina alla disciplina sportiva o che la pratica saltuariamente, la morte da sport non si verifica con un cuore sano, in quanto generalmente l’organismo attiva tutta una serie di meccanismi di recupero prima che il cuore vada sotto stress al fine di limitarne l’attività e impedire danni maggiori. 
Lo sport rappresenta solo l’evento scatenante di una pregressa patologia cardiaca a decorso silente, che rende il cuore instabile e in presenza di fattori scatenanti (mancanza di ossigeno, aumento della temperatura corporea, acidosi lattica, ecc.) possono causare un’aritmia letale. 
La causa principale della morte da sport nei non atleti è l'aterosclerosi coronarica, ovvero il deposito di grassi sulla parete interna delle arterie con conseguente formazione di placche ateromasiche in grado di ostruirle causando infarto. Per ridurre tali rischi è possibile intervenire su alcuni fattori modificabili dello stile di vita, come ipercolesterolemia, ipertrigliceridemia, pressione arteriosa, ecc. 
Per prevenire tali decessi, sia in coloro che praticano attività fisica saltuariamente, sia negli atleti agonisti, è opportuno sottoporsi ad indagini in grado di evidenziare eventuali patologie cardiache, come l’elettrocardiogramma (ECG) e l’ecografia cardiaca (ecocolor-doppler).
 
 
Articolo pubblicato il 08/06/2015

ESAMI

RISCHI STAGIONALI

Calcola il tuo BMI 

CALCOLA-BMI-
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!