{
 

SALUTE CHE FARE  

Testata Giornalistica on-line
Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
area-riservata-farmacie-salute-che-fare
salute-che-fare-trova-lo-specialista-più-vicinosalute-che-fare-consigli-per-tutta-la-famiglia.jpegsalute-che-fare-it-servizi-medici-farmaciesalute-che-fare-servizi-farmaciasalute-che-fare-trova-lo-specialista-più-vicino

"SALUTE CHE FARE"

 

La Testata Giornalistica al servizio della tua salute

MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

PEDIATRIA E ADOLESCENTOLOGIA

{

ADOLESCENTOLOGIA

ALLERGOLOGIA

Mal di gola nel bambino

Il mal di gola, meglio definito con il termine di faringite, è un processo infiammatorio di origine infettiva che coinvolge il faringe. È spesso associato a influenza e raffreddore, ma può insorgere indipendentemente da questi e ripresentarsi più volte durante l’anno. Si riscontrano gola arrossata con eventuale presenza di placche bianche, tonsille e ghiandole linfatiche del collo ingrossate e doloranti, mal di testa, febbre, tosse.. Rinofaringite e Faringotonsillite
La rinofaringite è un’infiammazione che coinvolge contemporaneamente le mucose nasali e del faringe ed è provocata dai virus, pertanto non richiede terapia antibiotica. 
La faringotonsillite è un'infiammazione delle tonsille, provocata da batteri, in particolare dallo Streptococco beta emolitico di gruppo A, che può richiedere terapia antibiotica.
Quindi capire l’origine del mal di gola è importante per la scelta della terapia. Nel caso delle infezioni virali non esistono particolari terapie, se non quelle per alleviare i sintomi. A fare la parte del leone è in tutti i casi il sistema immunitario del bambino (per esempio con la febbre l’organismo del bambino cerca di uccidere i virus che sopravvivono male alle alte temperature). Se l’origine è invece batterica può essere necessario, nel caso si tratti dello Streptococco beta emolitico di gruppo A, la prescrizione di un antibiotico a largo spettro d’azione per evitare complicanze.
Per evidenziare la presenza dello Streptococco beta emolitico di gruppo A è possibile effettuare l’esame microbiologico della mucosa del primo tratto respiratorio mediante tampone faringeo. I tamponi faringei tradizionali danno una risposta in tempi più lunghi (24-48 ore), oggi sono disponibili dei test rapidi, che effettua direttamente il pediatra, che segnalano la sua in pochi minuti.
Quando la gola fa male, diventa perfino difficile parlare, respirare e deglutire. Il riposo è indispensabile, è necessario far bere al bambino molta acqua e per alleviare i fastidi si possono somministrare tisane tiepide con l’aggiunta del miele oppure bevande fredde, ghiaccioli, gelati in grado di procurare sollievo alla gola irritata.
 
 
Pubblicato il 12/01/2015
A cura del Dr. Italo Farnetani
Pediatra e Giornalista
 

INFETTIVOLOGIA

MALATTIE INVERNALI

MALATTIE GASTROINTESTINALI

DERMATOLOGIA PEDIATRICA 

Create a website