SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

OSTETRICIA

{

CERCO UN BIMBO

GRAVIDANZA

Importanza dell'Acido Folico
L’acido folico è una vitamina del gruppo B, nota come vitamina B9, che non viene prodotta dall'organismo ma deve essere introdotta attraverso l’alimentazione.
Si tratta di una vitamina indispensabile per moltissimi processi come le reazioni di sintesi dell’acido desossiribonucleico (DNA), nel metabolismo dell’amminoacido omocisteina e in molte altre reazioni biochimiche che comportino, per esempio, un’intensa divisione cellulare. 
In generale la dose giornaliera raccomandata è di 0,2 mg, che in gravidanza può essere raddoppiata fino a 0,4 mg al giorno in quanto il feto utilizza le riserve materne. Per tale motivo durante la gravidanza è necessario integrare l’assunzione di acido folico con appositi integratori.
Fondamentale è iniziarne l’assunzione già prima della gravidanza, perché una carenza di acido folico durante i primi mesi aumenta il rischio di malformazioni fetali, in particolare a carico del tubo neurale come l'anencefalia e difetti di chiusura della colonna vertebrale (spina bifida) e della volta cranica (encefalocele).
L’assunzione di acido folico è fortemente consigliata almeno un mese prima del concepimento e per tutto il primo trimestre di gravidanza. Se una gravidanza è imprevista, è importante l’assunzione delle compresse da quando il primo test di gravidanza fornisce esito positivo.
Non è fondamentale la sua assunzione dopo il terzo mese, ma continuare può fornire solo benefici.
L’acido folico viene assunto anche con il cibo, poiché è presente anche in molti cibi come asparagi, broccoli, carciofi, cavolini di Bruxelles, cavolfiori, rucola, pomodorini, spinaci, bieta, agretti, indivia, lattuga, avocado, agrumi (arance, clementine, mandarini), kiwi, frutta secca (noci, mandorle, nocciole), pane e pasta integrali, cereali da colazione e legumi (fagioli, ceci, lenticchie, piselli), uova. 
 
 
Pubblicato il 12/02/2015
 
Calcola la data
presunta del parto
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!