SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
11/05/2018, 12:27

calcolosi ranale, calcolosi renale, minor numero specie



Calcolosi-renale,-un-rischio-che-dipende-anche-dal-profilo-globale-del-microbiota-intestinale-


 Chi soffre di calcolosi renale avrebbe un minor numero di specie batteriche nelle feci. A sostenerlo è uno studio di Andrea Ticinesi, dell’UO di Medicina interna e lungodegenza critica dell’AOU di Parma, pubblicata...



Chi soffre di calcolosi renale avrebbeun minor numero di specie batteriche nelle feci. A sostenerlo è uno studio diAndrea Ticinesi, dell’UO di Medicina interna e lungodegenza critica dell’AOU diParma, pubblicata sulla rivista Gut econdotto in collaborazione da 3 gruppi di ricerca dell’Università di Parmaappartenenti al Centro interdipartimentale "Microbiome Research Hub": l’UO diMedicina interna e lungodegenza critica, il Laboratorio di Probiogenomica delDipartimento di Scienze chimiche, della vita e della sostenibilità ambientale eil Dipartimento di Scienze medico-veterinarie. Per la prima volta nellaletteratura internazionale sono state confrontate, con tecniche disequenziamento di ultima generazione, la composizione e la funzione delmicrobiota intestinale di un gruppo di 52 pazienti affetti da calcolosi renalecalcica recidivante e di un gruppo di 48 controlli non calcolotici. Come fannoosservare gli esperti, da molti anni nel campo della calcolosi renale c’èattenzione sul possibile ruolo dei batteri intestinali nella formazione dicalcoli renali. Tutte le precedenti ricerche si sono focalizzate su un’unicaspecie, Oxalobacter formigenes, perla sua capacità di degradare un costituente dei calcoli renali: l’acidoossalico. Lo studio ha, invece, analizzato la composizione del microbiotaintestinale nella sua globalità, dimostrando per la prima volta che chi soffredi calcolosi renale presenta carenza di alcune specie batteriche in grado didegradare l’ossalato. L’intestino, quindi, potrebbe essere coinvolto nellafisiopatologia della calcolosi renale non tanto per deficit di O. formigenes, ma a causa di un diversoprofilo e di una diversa funzionalità del microbiota nella sua composizioneglobale.


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!