SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
20/04/2018, 14:57

prevenire, malattie cardiovascolari, nutraceutici, disbiosi intestinale,



Sanità,-nutraceutici-efficaci-sulla-disbiosi-intestinale-per-prevenire-il-rischio-cardiovascolare-


 Prevenire e affrontare le malattie cardiovascolari e allo stesso tempo limitare i costi sanitari è possibile grazie anche a un utilizzo più diffuso del prodotto nutraceutico.



Prevenire e affrontare le malattie cardiovascolari e allo stesso tempo limitare i costi sanitari è possibile grazie anche a un utilizzo più diffuso del prodotto nutraceutico. A sostenerlo sono i risultati confermati anche da recenti studi sull’efficacia dei nutraceutici sulla disbiosi intestinale per prevenire il rischio cardiovascolare, così come da studi di nutraeconomia che hanno evidenziato un possibile risparmio per il Sistema sanitario nazionale (SSN). 
«Nel caso di pazienti a basso rischio cardiovascolare, per esempio, i nutraceutici offrono una soluzione di trattamento alternativa all’uso dei farmaci ipolipemizzanti, rimborsati per questi soggetti», spiega Giorgio Colombo del dipartimento di Scienze del farmaco dell’Università di Pavia e direttore scientifico Centro di Ricerca SAVE di Milano - e quindi permettono di favorire il controllo della patologia e di evitare i costi degli eventi avversi correlati ai farmaci». 
In Italia i costi diretti delle malattie cardiovascolari per l’SSN sono di circa 16 miliardi di euro l’anno, ai quali vanno aggiunti circa 5 miliardi in termini di costi indiretti calcolati principalmente come perdita di produttività. «È quindi importante - conclude Colombo - trovare soluzioni per il paziente in grado di prevenire alcune patologie o per aiutarlo a tenere sotto controllo il proprio stato di salute e nel contempo per non peggiorare anche quello del nostro SSN».


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!