SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
30/03/2018, 12:30

pasqua, alimentazione, dolci, salute,



Tradizioni-a-tavola,-a-Pasqua-vince-ancora-menù-regionale-accompagnato-da-verdure


 Non rinunceranno ai piatti tradizionali regionali gli italiani a Pasqua. Ma secondo 7 nutrizionisti su 10, è importante privilegiare verdure e legumi per rimanere in forma durante le abbuffate.



Non rinunceranno ai piatti tradizionali regionali gli italiani a Pasqua. Ma secondo 7 nutrizionisti su 10, è importante privilegiare verdure e legumi per rimanere in forma durante le abbuffate. A sostenerlo è uno studio promosso da Polli Cooking Lab, l’Osservatorio sulle tendenze alimentari dell’omonima azienda toscana, intervistando 50 esperti tra chef, food blogger e nutrizionisti sulle tendenze pasquali 2018 a tavola.
Secondo gli chef italiani, salgono legumi (49%) e verdure dell’orto (45%) come la cicoria (39%), i carciofi (41%), i peperoni (36%), le zucchine (34%) e gli asparagi (32%). Stabile la carne rappresentata da agnello (36%), abbacchio (32%) e tacchino (31%), e le immancabili uova (44%) da cucinare da sole bollite (41%) o come ingrediente principale di ricette tradizionali (36%). 
«Fermo restando che le trasgressioni delle festività vanno considerate eccezioni e come tali non devono suscitare senso di colpa - avverte Luca Piretta, specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva dell’Università Campus Biomedico di Roma -bisogna agire con il buon senso. Dal momento che abbonderanno cioccolato e colomba, è necessario non mangiare zuccheri semplici ulteriori».
«Quindi è bene puntare sulla colazione salata evitando zucchero, miele e marmellata», raccomanda ancora l’esperto. «Gli ingredienti da privilegiare sono verdure, cereali, legumi, olio d’oliva e frutta secca. Attenzione però: sia l’olio sia la frutta secca sono alimenti molto calorici da consumare con moderazione. Per le verdure, è importante rispettare la stagionalità per avere il maggior carico di antiossidanti. Privilegiare quindi agretti e rughetta per il carico di vitamina A e C e polifenoli, oltre ad asparagi e carciofi che hanno potere protettivo e depurativo e aiutano a tenere sotto controllo la glicemia grazie all’abbondante fibra solubile, utile per il probabile aumento dell’assunzione di dolci».



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!