SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
23/03/2018, 16:03



Ora-legale,-oltre-ad-insonnia-e-malumore-rimane-in-agguato-anche-il-rischio-d’infarto


 Si avvicina l’appuntamento con il cambio dall’ora solare a quella legale, nella notte fra sabato 24 e domenica 25 marzo...



Si avvicina l’appuntamento con il cambio dall’ora solare a quella legale, nella notte fra sabato 24 e domenica 25 marzo, che causerà come d’abitudine piccoli disturbi associati al cosiddetto "fuso di primavera": insonnia, malumore, irritabilità e malesseri vari, fastidiosi pur se transitori. Con una poco gradita novità: nella settimana successiva al passaggio di fine inverno, i pazienti cardiopatici registrerebbero addirittura un aumento pari al 5% del rischio di infarto. 
Secondo gli esperti dell’Associazione nazionale farmaci di automedicazione Assosalute, l’ora legale serve a sfruttare al massimo la luce solare, risparmiando sul consumo energetico. Ma se è vero che il cambio dell’ora porta con sé giornate più lunghe con innegabili benefici, è altrettanto vero che diverse persone risentono del passaggio dall’ora solare a quella legale, tanto da lamentare i medesimi sintomi che si hanno in caso jet-lag.
Alterazioni del sonno, stanchezza e difficoltà di concentrazione, stress e irritabilità dipendono dalla reazione del nostro corpo alla differenza tra l’orologio interno, il cosiddetto ritmo circadiano, e l’orario esterno. Il ritmo circadiano regola, infatti, il ciclo sonno-veglia e molti parametri vitali che hanno andamento periodico: fame, rigenerazione cellulare, temperatura corporea, ecc. Anche la sola perdita di un’ora di sonno altera per qualche giorno i ritmi dell’organismo e c’è chi ne risente più di altri. 
Sono soprattutto i gufi (i tiratardi) e le allodole (i mattinieri) a soffrire il cambio dell’ora: ad andare in tilt è il loro equilibrio sonno-veglia. Anche cambiamenti minimi dei ritmi quotidiani possono causare stress e generare stanchezza, sonnolenza diurna, emicrania, perdita dell’appetito, calo dell’attenzione e alterazione dell’umore. La stanchezza accumulata e la riduzione delle ore di sonno sono anche tra le principali cause di nervosismo, irritabilità e quindi di malumore diffuso. Tutti effetti che influiscono non solo sul singolo, ma anche sulle persone vicine come familiari e colleghi.
Dopo una settimana di impegni tra casa e lavoro, gli adulti in generale tendono a risentire maggiormente della modifica delle attività e delle abitudini di riposo durante il fine settimana. Non è raro infatti, proprio nel weekend, soffrire di occasionali mal di testa soprattutto la domenica sera, quando fra l’altro si comincia a pensare agli impegni della settimana in arrivo con difficoltà ad addormentarsi. Per chi poi ha bambini, è importante abituare i più piccoli al nuovo orario gradualmente anticipando di 15 minuti al giorno l’ora della nanna, per evitare cambiamenti bruschi e assicurare loro nel fine settimana gli stessi orari dei giorni lavorativi.
Per i portatori di cardiopatie, invece, la notizia poco confortante: secondo uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine, l’effetto dello spostamento in avanti delle lancette si farebbe sentire nei 7 giorni successivi alla regolazione dell’ora con un aumento del 5% degli infarti del miocardio. Numeri confermati recentemente anche dal Karolinska Institutet di Stoccolma, che conferma un aumento del 4% del grave evento patologico.



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!