SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
02/03/2018, 12:53

efficacia dieta mediterranea e vegetariana riduzione rischio cardiovascolare, dieta e rischi cardiovascolari, efficacia diete cuore,



Cuore-in-salute,-finisce-in-pareggio-la-partita-tra-dieta-vegetariana-e-dieta-mediterranea-


 Una dieta vegetariana che includa uova e latticini è efficace come una dieta mediterranea nel ridurre il rischio cardiovascolare. E’ il risultato di uno studio, realizzato da ricercatori....



Una dieta vegetarianache includa uova e latticini è efficace come una dieta mediterranea nel ridurreil rischio cardiovascolare. E’ il risultato di uno studio, realizzato daricercatori dall’Università di Firenze e dall’Azienda Ospedaliero-UniversitariaCareggi, pubblicato su "Circulation", rivista dell’AssociazioneAmericana di Cardiologia (Aha). La ricerca è stata coordinata da FrancescoSofi, docente di Scienze dell’alimentazione presso il Dipartimento di MedicinaSperimentale e Clinica dell’Ateneo fiorentino. Lo studio è stato condotto su118 individui sani, di età compresa tra 18 e 75 anni, che presentavano unprofilo di rischio cardiovascolare medio-basso, determinato, oltre che da unostato di sovrappeso, da non più di due ulteriori fattori di rischio(alterazione dei valori di colesterolo Ldl e trigliceridi). I partecipanti altest hanno seguito, in maniera alternativa e sequenziale, per tre mesi unadieta vegetariana a basso contenuto calorico, comprendente latticini e uova, eper altri tre mesi una dieta mediterranea ipocalorica a base di pollame, pescee carne rossa, frutta, verdura, fagioli e cereali integrali.Entrambe le diete hanno procuratoun’analoga perdita di peso corporeo, di indice di massa corporea e di massagrassa. Differenze sono state riscontrate su altri fattori: mentre la dietavegetariana è stata più efficace nel ridurre il colesterolo Ldl, la dietamediterranea ha comportato una maggiore riduzione dei trigliceridi. Sul totaledei soggetti osservati nello studio clinico, 46 partecipanti seguendo la dietavegetariana hanno raggiunto gli obiettivi terapeutici (cioè i valoriauspicabili) per almeno un fattore di rischio cardiovascolare, e altri 35 hannoottenuto lo stesso risultato seguendo la dieta mediterranea."Molti studi in questi anni -ha commentato Sofi, che afferisce anche alla Struttura OrganizzativaDipartimentale (Sod) Nutrizione Clinica di Careggi - hanno confrontato la dietavegetariana con la dieta onnivora in paesi che seguono una dieta occidentale,ad alto contenuto di alimenti di origine animale". "La nostraricerca, invece, ha valutato l’efficacia, in termini di riduzione deiprincipali fattori di rischio cardiovascolare, di una dieta vegetariana aconfronto con una dieta mediterranea, universalmente riconosciuta come ilregime ottimale per favorire la salute - ha concluso Sofi - Il messaggio finaleè che le persone hanno più di una scelta per una dieta sana a favore delcuore".


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!