SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
23/02/2018, 11:43

cataratta, intervento mininvasivo, intervento preciso, femtolaser, tecnologica ocularare avanguardia, miglior recupero oculare



Cataratta,-a-Milano-è-arrivato-il-femtolaser-ad-impulsi-in-“biliardesimi”-di-secondo-


 Mininvasivo, con tempi d’intervento ridotti e meno traumi, maggior precisione e migliore recupero visivo. Stiamo parlando del femtolaser, ovvero del laser a femtosecondi, tecnologia...



Mininvasivo, con tempi d’intervento ridotti e meno traumi, maggior precisione emigliore recupero visivo. Stiamo parlando del femtolaser, ovvero del laser a femtosecondi,tecnologia d’avanguardia di cui si è recentemente dotato l’Ospedale San Giuseppedi Milano per il trattamento della cataratta, patologia che dopo i 70 anni colpisce1 persona su 4 e che, secondo la Società oftalmologica italiana (SOI), assorbe circal’80% del lavoro di un reparto clinico di oculistica. Altri vantaggi della FLAC(Femtosecond laser assisted surgery),così è definita scientificamente la nuova metodica, sono la riduzione delle complicanze,la possibilità di impiantare lenti intraoculari ad elevata tecnologia e una precisioneprima d’ora impensabile. Attraverso il computer è possibile programmare le fasidell’intervento che ha il suo culmine nell’impiego (per pochi secondi) del laser,senza passare per bisturi e pinze. Lacataratta è una patologia che causa la perdita di trasparenza (opacità) del cristallino,ovvero della lente naturale all’interno del nostro occhio, fino a comprometterneseriamente la capacità visiva. Un fenomeno fisiologico legato all’invecchiamentoche può colpire uno o entrambi gli occhi e, ancora oggi, è tra le prime cause diperdita della vista nel mondo. Una cecità il più delle volte reversibile graziealla chirurgia: tanto che in Italia sono circa 557 mila l’anno gli interventi dirimozione della cataratta. L’operazione prevede la frantumazione del cristallinodanneggiato, per esempio attraverso un apparecchio a ultrasuoni, e l’aspirazionedella cataratta attraverso una piccola sonda. Successivamente, al posto del cristallinoopaco viene inserita una minuscola lente pieghevole, il cui valore è stato calcolatoe settato in precedenza sulle caratteristiche del singolo paziente. «Conil femtolaser - spiega Paolo Nucci, direttore della Clinica oculistica universitariadell’Ospedale San Giuseppe di Milano - è possibile ridurre la quantità di passaggichirurgo-dipendenti, rendendo ancor più rapido e meno traumatico l’intervento dicataratta. I tagli corneali, l’apertura della capsula che avvolge il cristallinoe la frantumazione della cataratta, infatti, non vengono eseguiti dalla mano delchirurgo, ma da un computer in base al profilo del paziente. Inoltre, mentre glistrumenti tradizionali rilasciano impulsi in nanosecondi, cioè solo in miliardesimidi secondo, questo tipo di laser emette impulsi della durata di un femtosecondo(pari a 1 milionesimo di miliardesimo di secondo) sulle strutture oculari versocui viene indirizzato. Questo permette di aprire con estrema cura e precisione lacapsula anteriore del cristallino, dando modo alla lente artificiale di trovarela migliore allocazione e quindi di garantire un risultato superiore da un puntodi vista refrattivo. Il femtolaser è particolarmente indicato per l’utilizzo dilenti intraoculari di ultimissima generazione, come le lenti toriche per la correzionedell’astigmatismo e le lenti multifocali che consentono di correggere difetti visivicome la presbiopia».Secondol’esperto, tuttavia, non tutti gli occhi sono adatti all’impiego di questa tecnica:una valutazione che spetta all’oculista attraverso esami specifici, che coadiuvanola scelta della metodica operatoria più adatta. Più rara è l’insorgenza di catarattain età giovanile: neibambini può essere congenita e derivare da una condizione malformativa o di incompletamaturazione del cristallino. Una patologia che colpisce 1 neonato su 2500 e costituisceuna delle cause più frequenti di cecità nell’infanzia. «Quandola patologia è congenita - avverte Nucci - la chirurgia va programmata intorno al40° giorno di vita e comporta un intervento molto delicato in anestesia generale,da eseguire preferibilmente in un centro altamente specializzato».


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!