SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
13/02/2018, 11:42

morso cane, cane, cani, rischio morso cani, ansia morso cani



Medicina-di-comunità,-persone-ansiose-più-a-rischio-di-essere-morse-da-un-cane


 Possono dipendere dal tipo di personalità della "vittima" le probabilità di essere morsi da un cane, e se si è ansiosi le....



Possono dipendere dal tipo di personalità della "vittima" le probabilità diessere morsi da un cane, e se si è ansiosi le chance aumentano. A sostenerlo èuno studio britannico pubblicato sul Journal ofEpidemiology and Community Health. Nel Regno Unito, in base ai dati elaborati dairicercatori dell’Università di Liverpool, vivono 8,5 milioni di cani e ognianno sono circa 6500 persone che accedono al Pronto soccorso ospedaliero acausa di un morso. Una casistica presumibilmente sottostimata, che potrebbe rivelarsiquasi 3 volte superiore a quella raccolta.Perdi ottenere dati più accurati e aggiornati, gli scienziati hanno intervistato694 persone appartenenti a 385 famiglie residenti nel Cheshire con l’intento disapere quante persone fossero state morse da un cane, se i morsi avesserorichiesto un trattamento medico, se le vittime conoscessero il cane responsabilee se fossero loro stessi proprietari di cani. Non contenti, i ricercatori hannoanche valutato la stabilità emotiva dei soggetti intervistati con un test(TIPI) in grado di misurare vari aspetti della personalità per verificare l’eventualerischio di essere morsi.Unpartecipante su quattro, in gran parte di sesso maschile (quasi il doppiorispetto alle donne), ha dichiarato di essere stato morso in passato. Chipossiede diversi cani è risultato avere un rischio 3 volte superiore di incorrerenell’incidente, rispetto a coloro che non hanno animali in casa, ma più dellametà (appena sotto il 55%) degli intervistati ha dichiarato di essere statomorso da un cane che non conosceva. È emerso così che, a fronte di 740 casi di morsidi cane ogni 100 mila abitanti trascritti nei registri ospedalieri, le risposteal sondaggio indicano invece un tasso di 1873 casi per 100 mila, ovvero 3 voltela cifra ufficiale. Seda un alto il risultato è giustificato dalla limitata necessità di ricorrere alservizio sanitario (0,6% dei casi), dall’altro emerge invece la possibilecorrelazione tra i tratti di personalità della vittima e il rischio di esseremorsi: cioè, più un individuo è emotivamente stabile e meno ansioso, minore èil rischio di essere morsi da un cane. È vero che non si possono trarreconclusioni definitive sulla relazione causa-effetto di tale fenomeno, ma ifattori di rischio precedentemente non considerati sono da rivalutare così dasfatare il mito secondo cui i morsi siano imputabili a cani di famiglia emettere in atto piani di intervento più efficaci.


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!