SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
16/01/2018, 13:41

dimagrire dormendo, 90 minuti in pi a notte, carenza di sonno fattore di rischio, interesse inferiore verso gli zuccheri,



Dormire-un’ora-e-mezzo-in-più-a-notte-aiuta-a-perdere-peso-e-a-fare-un-pieno-di-salute


 Il sogno di tutti? Dimagrire dormendo. Potrebbe sembrare una chimera o una fantasia irrealizzabile, soprattutto...



Il sogno di tutti? Dimagriredormendo. Potrebbe sembrare una chimera o una fantasia irrealizzabile,soprattutto dopo il "business" cavalcato dai media negli ultimi anni a colpi dilibri, manuali e personaggi effimeri in grado di trasmettere la buona novella.Ma forse, come si direbbe oggi sui social, non è tutta "fuffa" quella che appare:potrebbero bastare 90 minuti di riposo in più a notte, giusto un’oretta e mezzaovvero il tempo di una partita di pallone, per perdere peso, resistendo allatentazione di ingurgitare cibi insidiosi per la linea. A rivelarcelo sono iricercatori del King’s College di Londra, autori di uno studio pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition.La carenza di sonno è un fattoredi rischio obesità già noto, in quanto altera i livelli degli ormoni cheregolano l’appetito. Ma gli scienziati britannici aggiungono un tassello allacomprensione del meccanismo che collega il letto alla bilancia: le persone chedormono di più mostrerebbero un minore interesse verso alimenti zuccherati ecarboidrati. Più precisamente, chi indugia fra le lenzuola finisce perscegliere cibi più sani nell’arco della settimana, assumendo in media 10 grammidi zucchero in meno ogni giorno.Il sonno prolungato, insomma,avrebbe condotto a una riduzione del consumo di zuccheri semplici aggiunti aglialimenti dall’industria o in cucina, così come degli zuccheri contenuti inmiele, sciroppi e succhi di frutta. Quindi, un semplice cambiamento nello stiledi vita può davvero aiutare a mangiare in modo più sano.Secondo Haya Al Khatib, coordinatricedel gruppo di ricerca britannico, la durata e la qualità del sonnorappresentano elementi di crescente interesse per la salute pubblica epossibili fattori di rischio per diverse condizioni patologiche. Si tratta oradi approfondire i risultati ottenuti con studi a lungo termine più dettagliati,soprattutto nelle popolazioni più esposte a obesità e malattie cardiovascolari.


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!