SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
14/12/2017, 17:18

ipoparatiroidismo, quattro piccole cose, paratormone, patologia, rara, campagna, associazione APPI, scienza, conoscenza, beAPPI card,



Ipoparatiroidismo,-al-via-la-campagna-social-#4piccolecose-per-diffonderne-la-conoscenza


 



Quattro piccole cose come le paratiroidi, ghiandole minuscole comelenticchie con il compito di produrre il paratormone. Quando sono assenti o nonproducono livelli sufficienti di paratormone provocano ipoparatiroidismo,una patologia rara e difficile da riconoscere, poiché si presenta con unagrande varietà di sintomi aspecifici e complicazioni. Spesso passano anni peruna diagnosi, e oltretutto i pazienti vivono in un doloroso isolamento, circondatida persone che non comprendono l’impatto della patologia sulla loro vita ditutti i giorni. #4piccolecose è la campagna social realizzata dall’Associazioneper i pazienti con ipoparatiroidismo (Appi) per raggiungere quante più personepossibile e far conoscere la patologia e le difficoltà dei pazienti che vivonocon l’ipoparatiroidismo.«Ho dedicato la mia vita a queste 4 capocchie di spillo: le paratiroidisono state le mie compagne di banco nella crescita culturale e di esperienzaclinica» conferma Maria Luisa Brandi, direttore dell’Unità di Malattie delmetabolismo minerale e osseo dell’Università di Firenze. «Ma mi dicevano cheera poca cosa occuparsi solo di questo quartetto. Oggi uscire da un’areanegletta è anche per un medico motivo di orgoglio e di fiducia in un futuro chefarà comprendere a molti, speriamo a tutti, l’importanza del metabolismocalcio/fosforico. Saremo vicini ai pazienti promuovendo scienza econoscenza, con la certezza di fare il bene di molti».Collegandosi al sito della campagna ciascuno può scegliere le 4 piccolecose che, come le paratiroidi, sono fondamentali per il suo benessere. Questascelta genera la beAppi card, una simpatica cartolina digitale dacondividere sui social con l’hashtag #4piccolecose,per invogliare i propri contatti a fare altrettanto e creare al contempocuriosità e interesse per le informazioni sulla malattia presenti nel sito di Appi.«È necessario parlare di più di ipoparatiroidismo - avverte CristinaGalligani, presidente Appi - far conoscere questa patologia e diffondereinformazioni e conoscenze sui segnali che si possono confondere con sintomi dialtre più comuni malattie. Per questa ragione il progetto social è importante eva diritto verso l’obiettivo di una divulgazione più ampia possibile».«Non c’è ancora una casistica precisa del numero di persone chesoffrono di ipoparatiroidismo - continua Galligani - poiché ci troviamo nelcampo delle patologie "ultra rare". Di certo si può dire che circa l’80% dipazienti soffre di questa patologia post-intervento chirurgico, e per ilrestante 20% si parla invece di ipoparatiroidismo primitivo. Ma sui numeriesatti ancora c’è molta incertezza. Parlarne serve anche ad avviare indagini ericerche dedicate». Per informazioni: http://www.associazioneappi.it/4piccolecose.


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!