SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
10/04/2015, 13:01

autismo, fecondazione, assistita, neuropsichiatria, infantile, psicologia,



Autismo,-aumentano-i-casi-associati-alle-nascite-multiple


 Una maggiore probabilità di concepire figli affetti da autismo è stata associata ai nati con tecniche di fecondazione assistita...



Una maggiore probabilità di concepire figli affetti da autismo è stata associata ai nati con tecniche di fecondazione assistita.
Si è giunti a questa conclusione sulla base dei risultati di uno studio effettuato dai ricercatori della Fordham University di New York City, pubblicati sull’American Journal of Public Health.
Negli Stati Uniti è stato rilevato un aumento dei casi di autismo contemporaneamente alla diffusione delle tecniche di riproduzione assistita. Per verificare se ci fosse una correlazione gli studiosi hanno monitorato per 10 anni quasi sei milioni di bambini nati in California dal 1997 al 2007, incrociando le nascite con le diagnosi di autismo.
Analizzando i dati gli autori hanno scoperto che l’incidenza di autismo è due volte più elevata nei nati con riproduzione assistita rispetto a quelli nati senza la tecnica: 12,1 contro 5,5 per 1.000 nati. Il principale fattore di rischio è rappresentato dalle nascite multiple. A questo proposito - spiega Christine Fountain, sociologa alla Fordham e coautrice dell’articolo «abbiamo scoperto quello che un epidemiologo definirebbe un fattore di rischio modificabile: per ridurre il rischio di autismo nei nati con la riproduzione assistita bisognerebbe trasferire gli embrioni singoli e non multipli».



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!