SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
10/04/2015, 12:54

tumore, cavo, orale, morte, sopravvivenza, neoplasie, oncologia,



Per-il-carcinoma-del-cavo-orale-è-fondamentale-la-diagnosi-precoce


 È ancora una delle neoplasie con il più alto tasso di mortalità il tumore del cavo orale...



È ancora una delle neoplasie con il più alto tasso di mortalità il tumore del cavo orale, con una sopravvivenza del 5% dopo il trattamento, del 19% dopo 5 anni e dell’11% dopo 20 anni. A sottolinearlo è il rapporto Airtum 2014 recentemente presentato alla stampa dal Ministro della Salute Beatrice Lorenzin.
Se per i tumori della testa e del collo (bocca e ghiandole salivari, lingua, orofaringe) non si prevede un incremento - ma neppure una riduzione - del numero di malati per il 2015 (111 mila i casi stimati in Italia), per il tumore della bocca rimane drammatico il tasso di mortalità nei pazienti con diagnosi tardiva. Dai dati indicati nel rapporto al carcinoma del cavo orale è associata una sopravvivenza oltre il tempo di cura del 5%, dopo 5 anni del 19% e dopo 20 anni dell’11%. In caso di diagnosi precoce (stadio 1 o 2) la sopravvivenza può arrivare, al contrario, fino all’80%.
Le fasce di età più colpite sono quelle oltre i 45-50 anni, mentre le cause principali restano alcol e fumo: il 90% dei pazienti portatori di carcinoma orale è rappresentato da fumatori abituali. Uno dei fattori responsabili che sta acquisendo sempre più rilevanza è il Papilloma virus umano 16 (HPV-16), contro il quale l’unica strategia efficace rimane la profilassi vaccinale che il Ministero della Salute vorrebbe estendere anche alla popolazione maschile a rischio. Dal rapporto Airtum arriva anche la conferma che, più di ogni altro tumore, per quello del cavo orale la prevenzione, ma soprattutto la diagnosi precoce rimane fondamentale.
Un obiettivo per il quale l’odontoiatria si sta battendo da anni sia per sensibilizzare i cittadini sia per effettuare visite preventive. Molti i progetti attivati: dal progetto "Guardati in bocca" del Cenacolo odontostomatologico italiano-Associazione italiana odontoiatria generale (Coi-Aiog) al "dentista sentinella" attivato dalla Commissione albo odontoiatri (Cao) nazionale, senza dimenticare le attività dell’Associazione italiana odontoiatri (Aio) e l’Oral cancer day della Fondazione ANDI (Associazione nazionale dentisti italiani) Onlus che, dal prossimo maggio, tornerà per la nona volta a visitare e sensibilizzare gli italiani.



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!