SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
03/11/2017, 15:17

probabili agenti cancerogeni, glifosato, AMPA, acido aminometilfosfonico, diserbante, effetti negativi,



Caso-glifosato,-in-costante-aumento-i-livelli-di-diserbante-nelle-urine-con-rischi-per-la-salute


 Sono in pericolosa crescita i livelli medi del diserbante glifosato nelle urine di adulti anziani che vivono nella California meridionale.



Sono in pericolosa crescita i livelli medi del diserbante glifosato nelle urine di adulti anziani che vivono nella California meridionale. A rilevarlo è uno studio di Paul Mills, dell’Università della California di San Diego, sui livelli di escrezione del glifosato e del suo metabolita acido aminometilfosfonico (AMPA) nei partecipanti al Rancho Bernardo Study of Healthy Aging dai quali sono stati prelevati campioni di urine in ciascuna delle 5 visite cliniche effettuate tra il 1993 e il 2016. L’esposizione ambientale al diserbante attraverso il consumo dei prodotti derivati dalle colture trattate con glifosato ha potenziali effetti negativi sulla salute e può essere misurata proprio attraverso l’eliminazione nelle urine. I ricercatori americani hanno così scoperto che il livello medio di glifosato è aumentato da 0,24 µ/L nel 1993-1996 a 0,314 µ/L nel 2014-2016 e ha raggiunto 0,449 µ/L nel 2014-2016 per i 70 partecipanti con livelli superiori al limite di rilevamento. I livelli medi di AMPA sono aumentati da 0,008 µ/L nel 1993-1996 a 0,285 µ/L in 2014-2016, raggiungendo 0,401 microg µL nel 2014-2016 per i 71 partecipanti con livelli superiori al limite di rilevamento. Secondo gli autori, che hanno pubblicato questi dati allarmanti sulla rivista Jama, l’esposizione cronica a diserbanti a base di glifosato potrebbe avere un impatto negativo sulla salute umana, tanto che nel luglio 2017 - in conformità con il Safe Drinking Water and Toxic Enforcement Act del 1986 - lo stato della California ha inserito il glifosato in un elenco di probabili agenti cancerogeni. Ne frattempo in Europa la situazione rimane piuttosto confusa. Nel 2015 l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (Iarc), che fa parte dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), ha inserito il glifosato nella lista delle sostanze "probabilmente cancerogene". L’’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha in seguito espresso un giudizio più rassicurante, ma le sue valutazioni sembrano essere state effettuate su una documentazione più limitata, che non ha convinto tutti gli addetti ai lavori. Il 25 ottobre i paesi membri dell’Unione europea, chiamati a votare sulla possibilità di prolungare l’autorizzazione all’uso del glifosato, molecola fondamentale del pesticida Roundup prodotto dalla multinazionale Monsanto, hanno deciso di prendere tempo e di non esprimersi immediatamente, procrastinando così nel tempo la decisione. Secondo i deputati, l’obiettivo finale deve essere un divieto totale nell’Europa entro il 15 dicembre 2022, con le necessarie restrizioni intermedie. In Italia è già in vigore il divieto di usare il glifosato nelle aree frequentate dalla popolazione o da "gruppi vulnerabili" quali parchi, giardini, campi sportivi e zone ricreative, aree gioco per bambini, cortili ed aree verdi interne a complessi scolastici e strutture sanitarie. Ma vige anche il divieto d’uso in campagna in pre-raccolta «al solo scopo  - afferma la Coldiretti - di ottimizzare il raccolto o la trebbiatura». 


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!