SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
27/10/2017, 12:59

insonnaia, diabete tipo 2, durata



L’insonnia-negli-adulti-aumenta-il-rischio-di-diabete-di-tipo-2


 Hanno il 16% in più di probabilità di sviluppare diabete di tipo 2 gli adulti che soffrono di insonnia, rispetto a quelli che dormono adeguatamente e il rischio sembra aumentare con la durata dell’insonnia....



Hannoil 16% in più di probabilità di sviluppare diabete di tipo 2 gli adulti chesoffrono di insonnia, rispetto a quelli che dormono adeguatamente e il rischio sembraaumentare con la durata dell’insonnia. A sostenerlo è uno studio pubblicato su Diabetes Metabolism Research and Review,che confermerebbe così l’importante ruolo svolto dal sonno nella regolazionedella funzione neuroendocrina e del metabolismo negli adulti.

«Anchese l’insonnia è stata associata al diabete mellito di tipo 2 – avverte tuttaviaChia-Lin Ling del Department ofNursing alla Chang Gung University of Science and Technology di Taoyuan a Taiwan,oltre che autore dello studio –  non ènoto se questa associazione sia valida per l’insonnia cronica e per quellaintermittente, e su un possibile effetto cumulativo dipendente dal tempo»prosegue.

Dopoaver analizzato i dati di 28.390 adulti senza diabete all’entrata nello studioe di 57.413 controlli senza insonnia, entrambi i gruppi sono stati seguiti mediamenteper 6 anni fino alla comparsa del diabete di tipo 2. Il rischio relativo per ildiabete di tipo 2 è così risultato 1,16 volte superiore nel gruppo con insonniarispetto ai controlli. Inoltre, il rischio di sviluppare diabete di tipo 2 trai soggetti con insonnia è stato più elevato tra gli individui di età pari oinferiore a 40 anni, seguiti da quelli di età compresa tra i 41 e i 65 anni, eda quelli con almeno 65 anni. Tra gli adulti con insonnia, il rischio didiabete di tipo 2 è aumentato notevolmente con la durata dell’insonnia stessa:le persone con insonnia seguiti per almeno 8 anni hanno avuto un rischioaumentato del 50% di sviluppare il diabete di tipo 2, mentre quelli coninsonnia seguiti per 4 anni o meno hanno avuto un aumento del rischio del 14%. Dunque,l’insonnia rappresenta un fattore di rischio per diabete di tipo 2, soprattuttonei soggetti più giovani.



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!