SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
27/10/2017, 12:54

intervento mininvasivo, universit di Parma, cefalea muscolo-tensiva, nervo occipitale



Cefalea-muscolo-tensiva,-dall’Università-di-Parma-un-trattamento-chirurgico-innovativo


 Un intervento chirurgico mininvasivo, messo a punto dai ricercatori dell’Università di Parma per trattare la cefalea muscolo-tensiva...



Unintervento chirurgico mininvasivo, messo a punto dai ricercatoridell’Università di Parma per trattare la cefalea muscolo-tensiva, ha avuto comerisultato la completa scomparsa dei sintomi o una loro netta diminuzione inoltre il 90% dei pazienti colpiti. A darne notizia è uno studio, pubblicatosull’European Journal of Plastic Surgery epresentato ai principali congressi mondiali di chirurgia plastica. Lo studio èil primo lavoro italiano sulla terapia chirurgica mininvasiva per iltrattamento delle emicranie e delle cefalee muscolo-tensive occipitali riconducibiliall’irritazione del nervo occipitale, un nervo superficiale posizionatoall’altezza della nuca (alla base del collo), generalmente causata da unpiccolo vaso sanguigno localizzato nelle vicinanze del nervo stesso. 

«Graziead una piccola incisione cutanea in anestesia locale, si effettua un interventochirurgico mininvasivo che consiste nel visualizzare bilateralmente il nervooccipitale che viene poi "sbrigliato" dalle strutture vicine»spiega Edoardo Raposio,docente di Chirurgia plastica del Dipartimento di Medicina e chirurgiadell’Università di Parma. In più del 90% dei pazienti trattati la solaprocedura di liberazione di tale nervo insieme alla contemporanea legatura delpiccolo vaso che causava l’irritazione ha indotto la completa scomparsa deisintomi nell’80% dei pazienti, o una loro netta diminuzione nel 18% di loro.



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!