SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
10/04/2015, 12:34

schizofrenia, malattia. mentale, cronica, psicoterapia, adolescenza,



Ã-in-crescita-la-schizofrenia-negli-adolescenti-metropolitani


 La schizofrenia è una malattia cronica grave che colpisce circa 250 mila persone in Italia...



La schizofrenia è una malattia cronica grave che colpisce circa 250 mila persone in Italia, ma che registra circa 3,5 milioni di casi nella sola Europa e 24 milioni di casi in tutto il mondo, con una riduzione dell’aspettativa di vita che va dai 10 ai 22 anni e mezzo in meno rispetto alla popolazione generale. 
Uno scenario poco confortante che al 19° Congresso della Società italiana di psicopatologia (Sopsi) ha visto discutere i più autorevoli esperti in psichiatria sulla necessità di nuovi standard di cura, sulla relazione tra opzioni terapeutiche e benessere e sul concetto di benessere come meta terapeutica. 
«La schizofrenia è tra le prime dieci patologie a più alto impatto di disabilità sociale» dichiara Claudio Mencacci, direttore del Dipartimento di Salute mentale e neuroscienze dell’AO Fatebenefratelli di Milano. Una patologia che insorge frequentemente durante l’adolescenza, tra i 16 e 18 anni, caratterizzata da vulnerabilità genetica ai fattori ambientali come l’abuso di stupefacenti e alcol, disagio sociale, immigrazione. «Nelle aree urbane la prevalenza dei disturbi psicotici è aumentata, - spiega l’esperto milanese - tanto che nascere e vivere fino a 13 anni in ambienti metropolitani aumenta il rischio di schizofrenia. Inoltre, passa ancora troppo tempo tra la comparsa dei sintomi e la possibilità di ricevere cure con il rischio di arrivare troppo tardi. Fondamentali sono quindi il riconoscimento precoce e il trattamento pedagogico-psicoterapico-farmacologico in modo da monitorare l’evoluzione sia della persona sia malattia, perché solo agendo subito si minimizzano le conseguenze». 



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!