SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
29/09/2017, 17:31

malattie sessualmente trasmesse, salute, prevenzione,



Malattie-sessualmente-trasmesse,-più-informazione-ai-giovani-e-formazione-per-i-medici


 Le malattie sessualmente trasmesse (MST) costituiscono un serio problema sanitario e sociale che riguarda principalmente giovani e adolescenti che, sempre di più, si avvicinano al sesso...



Le malattie sessualmente trasmesse (MST) costituiscono un serio problema sanitario e sociale che riguarda principalmente giovani e adolescenti che, sempre di più, si avvicinano al sesso precocemente: addirittura il 15% di loro tra i 13 e i 14 anni. Ahimè, quasi sempre senza un’adeguata consapevolezza e conoscenza del proprio corpo. Inoltre l’aumento delle MST in questa fascia di età è dovuto alla maggiore promiscuità, all’utilizzo non corretto o assente del preservativo, alle cattive abitudini igieniche e, più in generale, a una scarsa informazione sull’argomento. A confermarlo sono 2 ragazze su 5 le quali non sanno che le MST possono avere conseguenze gravi sul sistema riproduttivo o costituire un fattore predisponente allo sviluppo di tumori. Non va poi trascurato il tema della bassa percezione del rischio: passata la grande paura dell’Aids degli anni ’90, sembra oggi prevalere un senso di immunità e una falsa sicurezza che pervade le giovani generazioni.
«È proprio sul fronte dei comportamenti a rischio - avverte Carlo Maria Stigliano, responsabile scientifico per la formazione dell’Associazione ostetrici ginecologi ospedalieri italiani (Aogoi) - che serve un maggiore impegno educativo all’autoprotezione, sia procreativa sia della salute sessuale e generale. Per questo l’Aogoi ha deciso di investire risorse in un Master dedicato alla comunicazione, con particolare attenzione alle MST, come parte integrante della formazione professionale del ginecologo, ai fini di una migliore gestione del counselling e di una sempre maggiore umanizzazione del rapporto medico-paziente».
«L’aspetto della comunicazione medico-paziente e, nello specifico, fra il ginecologo e le donne - sottolinea Elsa Viora, presidente Aogoi - è un tema sempre più attuale che riveste un ruolo essenziale nella nostra attività quotidiana. Comunicare con i giovanissimi rappresenta una sfida quotidiana, ma stimolante su cui investiamo molto e su cui dobbiamo investire sempre di più».


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!