SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
03/04/2015, 13:18

metformina, efficace, contro, cellule, tumorali, tumore, cancro, diabete,



Un-farmaco-antidiabete-che-rallenta-la-crescita-dei-tumori


 La metformina, un farmaco largamente impiegato nella terapia del diabete di tipo 2, potrebbe rivelarsi efficace anche contro i tumori ...



La metformina, un farmaco largamente impiegato nella terapia del diabete di tipo 2, potrebbe rivelarsi efficace anche contro i tumori.A sostenerlo è uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Genova secondo i quali la metformina è in grado di interrompere il meccanismo attraverso cui le cellule tumorali assorbono zuccheri dal sangue, rallentandone la crescita. Infatti, le cellule tumorali riescono a moltiplicarsi grazie ad una proteina, la piruvato chinasi embrionale M2 (PKM2), che le spinge a nutrirsi attraverso il glucosio. I risultati della ricerca dimostrano che la metformina blocca le sostanze che attivano la PKM2 ostacolando la crescita dei tumori. «Il trattamento con metformina - spiega la dottoressa Barbara Salani, coordinatrice della ricerca - si è rivelato molto efficace a regolare il metabolismo delle cellule tumorali e impedire l’introito energetico indispensabile per la proliferazione e crescita di queste ultime. In uno studio parallelo abbiamo osservato come questo farmaco possa addirittura introdursi all’interno delle molecole e agire direttamente sulle cellule oncologiche stesse, impedendo al tumore di crescere».È auspicabile che questi risultati possano aprire le porte alla ricerca di nuovi farmaci antitumorali e fornire nuove indicazioni per le terapie già in uso con l’obiettivo di contrastare il metabolismo delle cellule tumorali.  


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!