SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
22/09/2017, 12:38

bambini, postura schiena, scuola, salute,



Come-aiutare-il-bambino-a-prevenire-i-difetti-della-colonna-vertebrale-a-casa-e-a-scuola


 Sottostimare possibili alterazioni posturali nelle fasi evolutive dell’età pediatrica conduce ad un percorso carico di rischi per il bambino di oggi e l’adulto di domani...



Sottostimare possibili alterazioni posturali nelle fasi evolutive dell’età pediatrica conduce ad un percorso carico di rischi per il bambino di oggi e l’adulto di domani, con conseguente ritardo diagnostico ed inefficacia del trattamento terapeutico.
Come individuare, allora, i campanelli d’allarme che devono far sorgere il sospetto di possibili vizi posturali e come valutarne la gravità?
«I più frequenti sono i vizi di portamento - spiega Bernardo Misaggi, direttore dell’Unità operativa complessa di Chirurgia vertebrale e scoliosi dell’Asst Pini-CTO di Milano - contraddistinti da atteggiamenti posturali errati assunti dai bambini che incurvano la colonna vertebrale, facilmente e totalmente correggibili, che nulla hanno a che vedere con la scoliosi. Si tratta di atteggiamenti viziati dovuti principalmente a mancanza di adeguato movimento e a posizioni scorrette mantenute a lungo».
Saper "leggere" la postura del bambino è perciò fondamentale per distinguere i difetti funzionali dai difetti organici, indirizzando al meglio strategie diagnostiche e terapeutiche.
«Ci sono patologie poco frequenti per le quali è tuttavia necessaria una diagnosi precoce e corretta. Il periodo da tenere particolarmente d’occhio e quello tra la quinta elementare e la prima media, quando i ragazzi si trovano in quella fase di crescita in cui possono manifestarsi alcune patologie della colonna vertebrale» precisa l’esperto. «Si tratta principalmente di scoliosi idiopatica, dorso curvo, mal di schiena causato a volte da spondilolisi (frattura della parte posteriore della vertebra) con o senza listesi (spostamento in avanti di una vertebra rispetto alla vertebra sottostante). 
Bisogna, poi, saper osservare: capita spesso che una deformità in ipercifosi (accentuazione della normale curvatura) della colonna vertebrale (rachide) venga scambiata da genitori e insegnanti per una postura assunta per timidezza».
Quali possono essere i sintomi di un problema al rachide del bambino? 
«La scoliosi è quasi sempre asintomatica, può quindi sfuggire all’attenzione sia dei genitori sia del pediatra» spiega Misaggi. «Mentre il dorso curvo può essere sintomatico fin dalle prime fasi e, dunque, più facilmente riconosciuto dai genitori; come pure la classica lombalgia, che può essere presente in caso di spondilolisi con scivolamento di una vertebra (spondilolistesi)».



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!