SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
19/09/2017, 17:23

vaccino adiuvato, vaccino potenziato, immunita, influenza, vaccino, protezione, prevenzione,



Influenza,-negli-over-65-i-vaccini-adiuvati-proteggono-di-più-rispetto-ai-non-adiuvati


 Il vaccino adiuvato, cioè "potenziato", produce una migliore risposta immunitaria contro l’influenza nella popolazione over 65 rispetto al vaccino non-adiuvato...



Il vaccino adiuvato, cioè "potenziato", produceuna migliore risposta immunitaria contro l’influenza nella popolazione over 65rispetto al vaccino non-adiuvato. A sostenerlo sono nuovi risultati presentati alCongresso dell’European ScientificWorking group on Influenza (ESWI) di Riga in Lettonia. Tali vaccinisembrano infatti offrire una maggiore protezione anche in quegli anni in cui ilvirus influenzale subisce, durante la stagione invernale, modificazionistrutturali tali da non corrispondere esattamente a quelli in circolazione contenutinel vaccino.Secondo JamesMansi, responsabile mondiale della Divisione medica di Seqirus, i modellimatematici predittivi messi a punto dai ricercatori indicano una maggiore protezione indotta del vaccinoantinfluenzale trivalente adiuvato rispetto al vaccino antinfluenzaletrivalente standard negli adulti d’età pari o superiore ai 65 anni pertutti i ceppi testati. Per i due ceppi influenzali di tipo A i calcoli per ilvaccino adiuvato suggeriscono una maggiorprotezione del 30% nei confronti del virus A/H1N1, del 40% contro il virus A/H3N2, euna maggiore efficacia del 12%contro il virus influenzale di tipo B rispetto al vaccinonon-adiuvato. Dati confermati anche dagli studi di Health technology assessment(HTA) condotti sia in Italia sia nel RegnoUnito per valutare le prestazioni sanitarie erogate o comunque disponibili egestire in modo più funzionale l’assistenza ai cittadini.In Italia sonoinfatti quasi 30 mila i casi diinfluenza che si potrebbero prevenire negli over 65 passando al vaccinoadiuvato. Un effetto che si otterrebbe persino con i bassi livelliattuali di copertura vaccinale nella popolazione italiana di età pari osuperiore ai 65 anni, di cui mediamente meno della metà si vaccina nellastagione influenzale. «In questo gruppo di popolazione il vaccino adiuvato è stato piùefficace nel prevenire i casi di influenza rispetto ai vaccini trivalenti non-adiuvatie più economico rispetto ai vaccini antinfluenzali quadrivalenti», avverte StefanoCapri dell’Università Cattaneo LIUC.  «La superiorità clinica in questa popolazione può essere dovuta alfatto che i vaccini non-adiuvati determinano una protezione inferiore nei confrontidei ceppi virali di tipo A, che sono quelli che colpiscono maggiormente glianziani».«L’impiego del vaccino adiuvato rappresenta la migliore opzionepreventiva contro l’influenza negli over 65 in Italia, sia dal punto di vistadella salute, sia economico», afferma Marco Barbieri del Centro di Farmacoeconomia dell’Università britannicadi York. «È altresì importantecercare di aumentare la copertura vaccinale negli over 65 portandoladall’attuale 50% al 75% fissato dal Consiglio d’Europa impiegando l’approcciopiù efficace ed economico».Nel Regno Unito,invece, si potrebbero evitareoltre 1700 decessi annui per influenza con una spesa aggiuntiva contenuta peril servizio sanitario nazionale. Passare dai vaccini antinfluenzaliconvenzionali al vaccino adiuvato, recentemente introdotto nel Regno Unito,consentirebbe di prevenire circa 200 mila casi di influenza negli over 65 conuna riduzione del ricorso al medico di famiglia (meno 21.800 casi).


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!