SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
03/04/2015, 13:10

liraglutide, farmaco, obesit, ridurre, fame, controllo, peso, dieta,



Approvato-in-Europa-nuovo-farmaco-contro-lâobesità


 È stata rilasciata dalla Commissione europea l’autorizzazione all’introduzione in commercio nei 28 paesi UE di liraglutide per il trattamento dell’obesità ...



È stata rilasciata dalla Commissione europea l’autorizzazione all’introduzione in commercio nei 28 paesi UE di liraglutide 3 mg per il trattamento dell’obesità, il primo analogo del peptide-1 glucagone-simile (GLP-1) a somministrazione unica giornaliera approvato in Europa per il trattamento dell’obesità. La nuova molecola, proprio come il GLP-1 umano, riduce il senso di fame e l’appetito con il risultato di diminuire calorie introdotte e peso corporeo. Inoltre, stimolando il rilascio di insulina e riducendo la secrezione di glucagone, favorisce il controllo della glicemia. Il suo utilizzo verrà raccomandato in aggiunta ad un regime dietetico ipocalorico e all’incremento dell’attività fisica per la gestione del peso corporeo nei pazienti adulti obesi con indice di massa corporea (IMC) iniziale ≥30 (kg/m2) o in sovrappeso con IMC tra 27 e 30 (kg/m²), e in presenza di almeno una comorbidità quale prediabete o diabete di tipo 2, ipertensione, dislipidemia o apnea ostruttiva durante il sonno.«Un farmaco di grande importanza per la sanità pubblica, perché l’obesità è un problema non solo medico, ma anche sociale» dichiara Michele Carruba, direttore del Centro studi e ricerche sull’obesità dell’Università di Milano. Non bisogna dimenticare che in Italia, prosegue il nutrizionista milanese, dove il 10% degli italiani è obeso e il 39% in sovrappeso, si spendono circa 28 miliardi l’anno per curare obesità e malattie ad essa correlate. «Purtroppo a differenza del diabete, ritenuto una malattia grave dall’opinione pubblica, l’obesità è ancora troppo spesso considerata un problema estetico invece che medico. Se pensiamo che il 90% dei diabetici è anche obeso o sovrappeso, ci si rende conto che curare l’obesità equivale a prevenire o curare la malattia diabetica. Disporre di un farmaco capace di ridurre il peso – conclude l’esperto – è quindi fondamentale per aumentare la qualità e l’aspettativa di vita di un’ampia quota di popolazione».


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!