SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
08/09/2017, 13:40

allattamento al seno, allattamento per lunghi periodi, endometriosi, riduzione rischio



Allattare-al-seno-il-più-a-lungo-possibile-riduce-significativamente-il-rischio-di-endometriosi


 L’allattamento al seno sarebbe associato a un ridotto rischio di endometriosi, un disturbo ginecologico con sintomi debilitanti tra cui rapporti sessuali dolorosi e algie pelviche croniche. ..



L’allattamento al seno sarebbe associato a un ridotto rischio diendometriosi, un disturbo ginecologico con sintomi debilitanti tra cui rapportisessuali dolorosi e algie pelviche croniche. A sostenerlo è uno studio condottoda Leslie Farland, del Centro per l’infertilità e la chirurgia riproduttiva alBrigham and Women’s Hospital di Boston, e pubblicato sul British MedicalJournal, dal quale emerge che le donne che allattano per lunghiperiodi di tempo hanno una significativa riduzione del rischio di sviluppare lamalattia. Per ottenere tali risultati i ricercatori hanno studiato 72 milapartecipanti al Nurses’ Health Study II almeno una gravidanza a carico. Dopooltre 20 anni di follow-up, il 5% delle donne soffriva di endometriosi. Tuttavia per ogni trimestre in più di allattamento al seno, fino a unmassimo di 45 mesi, il rischio di ammalarsi calava del 3%. In altri termini,tra le partecipanti che avevano allattato al seno in modo esclusivo per 18 mesio più durante la loro vita riproduttiva, le probabilità di sviluppare lamalattia erano inferiori del 27% rispetto alle coetanee che per allattare ifigli avevano usato anche il latte vaccino. Inoltre, l’allattamento al seno puòinfluenzare il rischio di endometriosi non solo attraverso l’amenorrea post partum,l’assenza temporanea di mestruazioni che si verifica quando una donna allatta,ma anche attraverso altri meccanismi come l’aumento dei livelli sierici diossitocina e prolattina, in grado di inibire i livelli di gonadotropinecircolanti. 


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!