SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
08/09/2017, 13:35

gravidanza, ipertensione, sorveglianza, stile di vita, salute, prevenzione, monitoraggio



Monitoraggio-a-vita-nelle-donne-con-problemi-di-ipertensione-in-gravidanza-


 Le donne che hanno avuto una gravidanza complicata da qualunque disturbo di tipo ipertensivo dovrebbero rimanere sotto stretta sorveglianza per il resto della loro vita...



Le donne che hannoavuto una gravidanza complicata da qualunque disturbo di tipo ipertensivodovrebbero rimanere sotto stretta sorveglianza per il resto della loro vita. Asostenerlo sono due nuovi studi pubblicati sul British Medical Journal. Per portare atermine il primo studio Ida Behrens, del Department of Epidemiology Research alloStatens Serum Institut di Copenhagen, ha coordinato un team che ha studiatooltre 480 mila donne alla prima gravidanza inserite nei registri sanitaridanesi. I ricercatori hanno osservato che circa il 5% delle donne ha presentatodisturbi ipertensivi (per esempio ipertensione gestazionale, pre-eclampsia,eclampsia e sindrome HELLP). Nelle donne di 20, 30 e 40 anni con disturbiipertensivi in gravidanza l’incidenza cumulativa a 10 anni di ipertensionepost-gravidanza è risultata rispettivamente del 14%, 20% e 32%, contro il 4%, 6%e 11% nelle donne con gravidanze normotensive. Un’ulterioreanalisi ha evidenziato non solo un aumento del rischio di ipertensionepost-gravidanza più elevato nell’anno immediatamente successivo a unagravidanza complicata da problemi ipertensivi, ma anche la sua persistenza peri successivi 20 anni. Conclusione: in questi casi la prevenzionecardiovascolare dovrebbe includere il monitoraggio continuo della pressionearteriosa. Nel secondo studio, condotto da Simon Timpka del Connors Center for Women’s Healthand Gender Biology al Brigham and Women’s Hospital di Boston, sotto la lente ricercatoriè finito invece lo stile di vita nelle donne che hanno accusato problemi ipertensiviin gravidanza. Secondo l’autore principale dello studio il rischio diipertensione cronica dopo ipertensione gestazionale si può ridurre in manieramarcata aderendo a uno stile di vita salutare. Rispetto alle donne senza storiadi ipertensione in gravidanza, il mantenimento di uno stile di vita sano sembrain questo caso particolarmente importante. In conclusione, i risultati dientrambi gli studi rafforzano il messaggio che le donne con una pregressa gravidanzacomplicata da un disturbo ipertensivo dovrebbero essere monitorate per il restodella vita. 


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!