SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
03/04/2015, 12:29

pillola, 5giorni, dopo, ospedali, consultori, senza, ricetta, medica,



Pillola-dei-5-giorni-dopo-senza-ricetta,-resta-lâobbligo-solo-per-le-minorenni


 Niente ricetta per la pillola dei 5 giorni dopo ed eliminato anche l’obbligo di...



L’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha approvato anche per l’Italia la disposizione dell’Agenzia europea dei medicinali (Ema) sulla possibilità di acquistare in farmacia la pillola dei 5 giorni dopo, a base di ulipristal acetato, senza prescrizione medica. L’obbligo di prescrizione sarà mantenuto solo per le minorenni. «Il farmaco - afferma il direttore dell’Aifa Luca Pani - non presenta grandi problematiche, ma sull’uso ripetuto e incontrollato non esistono ancora dati sufficienti a garantirne la sicurezza. Per tutelare le più giovani, e visto che in Italia esiste la possibilità di prescrivere la pillola in ogni momento in ospedali e consultori, è stato deciso di lasciare tale limite. Si tratta di una decisione ancora più moderna di quella dell’Ema». «L’Italia si allinea così all’Europa», commenta la deputata del Partito Democratico Laura Garavini. «La decisione dell’Aifa è un successo per le donne italiane, che vengono finalmente trattate come tutte le altre donne in Europa. Anche per le donne in Italia valgono finalmente standard europei, così come la scelta di mantenere l’obbligo della ricetta per le minori mi pare condivisibile».«Mi auguro - conclude Garavini - che il Ministro Lorenzin non procrastini ulteriormente i tempi e confermi la scelta politica di allinearsi all’Europa seguendo le indicazioni suggerite dall’Aifa».


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!