SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
19/06/2017, 11:58

cellulare, salute, mal di testa,



Cefalea-da-telefonino,-aumentano-i-sospetti-sull’effetto-fisico-dinamico-del-mobile


 Pur non essendo ancora del tutto chiaro l’impatto dei cellulari sulla nostra salute, sembra che il loro ruolo nell’insorgenza del mal di testa non sia proprio del tutto innocente...



Pur non essendo ancora del tutto chiaro l’impatto dei cellulari sulla nostra salute, sembra che il loro ruolo nell’insorgenza del mal di testa non sia proprio del tutto innocente. A darne notizia sul Corriere della Sera è Cesare Peccarisi, che riporta l’ipotesi sostenuta dai ricercatori diretti dal neurologo Aldo Quattrone, rettore dell’Università Magna Grecia di Catanzaro, e presentata all’edizione 2017 del congresso internazionale sul mal di testa che ogni 2 anni si svolge a Stresa. 
Da sempre preoccupati soprattutto dal fatto che i campi elettromagnetici a bassa frequenza dei telefonini potessero provocare alterazioni della matrice neuronale provocando malattie come cefalea, ronzii auricolari da tinnitus, depressione, malattie neurodegenerative, depressione, disturbi del sonno e soprattutto tumori cerebrali e non, in molti avevano perso di vista la possibile induzione di fenomeni fisici dinamici più semplici, ma comunque fastidiosi, quali un aumento della pressione intracranica. 
Solo i ricercatori dell’Università di Heidelberg diretti da Khalife Alexander avevano pubblicato nel 2011 uno studio sull’European Physical Journal in cui ipotizzavano un effetto di surriscaldamento cellulare, ma alla fine l’avevano escluso. Nel nuovo studio italiano il cranio viene visto come una sorta di pentola a pressione dove il fuoco della cucina è rappresentato dalle onde a bassa frequenza del telefonino e il classico fischio del coperchio che annuncia la raggiunta pressione massima è la comparsa di cefalea, che insorge dopo almeno mezz’ora di esposizione continua al telefonino e tende a persistere per un’ora. 
Si tratta della prima segnalazione di questo tipo che andrà ovviamente approfondita, ma un punto di forza dello studio è la conferma tramite risonanza magnetica della cosiddetta empty sella, cioè della sella turcica (il recesso osseo cranico dove si trova la ghiandola ipofisaria) vuota, segno radiologico di un aumento della pressione endocranica che non è invece stato trovato nei test con telefoni fissi e cordless. Se oltre a questo segno si aggiungono anche le alterazioni rilevate nella pressione del liquido cerebrospinale, è probabile il legame fra cellulare e cefalea.


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!