SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
09/06/2017, 12:17

sclerosi multipla, minociclina,



Sclerosi-multipla,-trattamento-con-minociclina-modifica-l’evoluzione-della-malattia


 Si riduce in maniera significativa il rischio che la sindrome clinicamente isolata (CIS) evolva in sclerosi multipla (SM) se si sottopone il paziente a trattamento con minociclina, un antibiotico...



Si riduce in maniera significativa il rischio che la sindrome clinicamente isolata (CIS) evolva in sclerosi multipla (SM) se si sottopone il paziente a trattamento con minociclina, un antibiotico appartenente alla famiglia delle tetracicline con proprietà antinfiammatorie e immunomodulanti. È quanto sostiene uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine di Luanne Metz del Foothills Medical Centre di Calgary in Canada, su 142 persone provenienti da 12 centri canadesi per la sclerosi multipla. Secondo i ricercatori dopo la comparsa di un primo sintomo demielinizzante il rischio di progressione a sclerosi multipla è più elevato, ciò che li ha spinti a valutare l’efficacia di minociclina nel ridurre il rischio di evoluzione da CIS a SM. I partecipanti allo studio, tutti con i primi sintomi demielinizzanti emersi nei precedenti 6 mesi, sono stati così divisi in due gruppi: il primo ha ricevuto in maniera casuale 100 mg di minociclina per via orale 2 volte al giorno, mentre il secondo placebo fino alla diagnosi di SM o comunque fino a 24 mesi. Dopo 6 mesi il gruppo trattato con minociclina ha fatto registrare un rischio inferiore del 27,6% rispetto al gruppo di controllo, differenza che veniva persa dopo 24 mesi. Secondo gli esperti servono ulteriori studi prima di poter utilizzare la terapia nella pratica clinica. 


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!