SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
28/03/2015, 13:24

morbo di Crohn, Morgersen, malattie intestinali, infiammazione, colon, farmaco sperimantale,



Ã-made-in-Italy-nuovo-farmaco-contro-il-morbo-di-Crohn


 Messa a punto una nuova arma per contrastare il morbo di Crohn. Si tratta di un farmaco innovativo ancora in fase sperimentale, denominato “Mongersen”, efficace contro tale patologia.



Messa a punto una nuova arma per contrastare il morbo di Crohn.  Si tratta di un farmaco innovativo ancora in fase sperimentale, denominato “Mongersen”, efficace contro tale patologia. Il morbo di Crohn è una malattia infiammatoria cronica dell’intestino molto invalidante in grado di colpire qualsiasi parte del tratto gastrointestinale, dalla bocca all’ano, per la quale fino ad oggi non esistono cure ma solo terapie in grado di ridurne i sintomi.
L’innovativo farmaco è stato messo a punto da un gruppo di ricercatori dell’Università di Tor Vergata di Roma, coordinati da Giovanni Monteleone. La sperimentazione ha coinvolto 166 pazienti con il morbo di Crohn e i risultati sono stati pubblicati sulla rivista New England Journal of Medicine. Già dopo 14 giorni di terapia il 60% dei pazienti era già guarito completamente.
Il farmaco in esame contrasta i processi infiammatori, caratteristici di questa malattia, bloccando la produzione di SMAD7, ovvero la proteina altamente presente nei pazienti affetti da questa malattia.
Monteleone aggiunge: “La soppressione di Smad7, essendo questo un inibitore dell’attività del Transforming growth factor-beta, permette di ripristinare nell’intestino dei pazienti con malattia di Crohn i normali e fisiologici meccanismi anti-infiammatori.
Durante questa sperimentazione non sono emerse state particolari contrindicazioni, ma ulteriori conferme saranno necessarie per completare la “fase III” dei test, che coinvolgerà un numero elevato di pazienti.



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!