SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
28/03/2015, 13:20

longevit, corretto stile di vita, flora batterica intestinale, microbioma, corretta alimentazione,



Il-segreto-della-longevità,-un-mix-di-genetica-e-stile-di-vita-


 La predisposizione genetica può aiutare a diventare centenari, ma secondo recenti studi la longevità si può costruire attraverso un corretto stile di vita.



La predisposizione genetica può aiutare a diventare centenari, ma secondo recenti studi la longevità si può costruire attraverso un corretto stile di vita.
Al Congresso nazionale della Società italiana di gerontologia e geriatria (SIGG) sono stati presentati i risultati di alcune ricerche dalle quali è emerso che per star bene occorre la giusta combinazione tra genetica e stili di vita.
Da un’analisi di Luigi Fontana dell’Università di Brescia, illustrata al convegno veneziano della Fondazione Veronesi, risulta che le abitudini alimentari possono fare la differenza, una dieta a ridotto introito di calorie può allungare le prospettive di vita. Sembra che, per vivere più a lungo, la flora batterica intestinale (microbioma) rivesta un ruolo di primo piano per cui è importante nutrirla adeguatamente.
Secondo Giuseppe Paolisso, past presidente SIGG, «la longevità potrebbe derivare da una costante manutenzione dell’attività di cellule e organi, che nel tempo potrebbe contrastare l’inevitabile declino funzionale dell’organismo. Alcuni geni sembrano avere un ruolo in tutto ciò ma sappiamo che, per esempio, una singola mutazione genetica favorevole può allungare la vita al massimo del 40%. Oggi appare perciò sempre più evidente che è l’attività del genoma nel suo complesso a influenzare la longevità: l’epigenetica, ovvero la modificazione dell’espressione dei geni nel corso della vita a seconda degli stimoli a cui è sottoposto l’organismo, sta assumendo un peso sempre più rilevante fra i meccanismi che incidono sull’aspettativa di vita. Un esempio classico è la restrizione calorica: una riduzione dell’apporto di nutrienti in assenza di malnutrizione si associa a un aumento della durata della vita, perché in condizioni di scarse risorse energetiche l’attività dei geni vira verso una diminuzione delle attività e un conseguente prolungamento della vita. Tutto questo però significa anche che la longevità si può costruire: se non si nasce con un patrimonio genetico famigliare che aiuta a diventare centenari, si può vivere in modo da favorire un’aspettativa di vita prolungata».
Un ulteriore studio dell’università di Milano condotto dai medici dell’Ospedale Maggiore Policlinico e dell’Istituto Auxologico Italiano, attesta che nei processi della longevità sono coinvolti una più lenta crescita e un minor metabolismo cellulare e un miglior controllo nella trasmissione dei segnali cellulari. A contribuire all’espressione dei geni sono soprattutto l’alimentazione e lo stile di vita. Secondo Nicola Ferrara, presidente SIGG, «gli studi indicano per esempio che la flora batterica intestinale ha un ruolo cruciale nell’invecchiamento: con l’andare degli anni si modifica e la capacità di mantenere batteri "buoni" è strettamente correlata alla possibilità di un invecchiamento di successo. La biodiversità dei batteri intestinali si riduce nella terza età, favorendo la comparsa di infiammazione e squilibri che possono essere l’anticamera di numerose patologie: favorire attraverso una sana alimentazione il mantenimento della biodiversità della flora batterica può aiutare ad aumentare l’aspettativa di vita in buona salute».



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!