SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
28/03/2015, 13:10

ora legale, benessere fisico, benessere psicologico, vitamina D, serotonina,



Ora-legale,-i-vantaggi-e-gli-svantaggi-per-la-salute


 Stasera, nella notte tra il 28 e il 29 marzo, ritorna l’ora legale. Alle 2 di notte le lancette degli orologi verranno spostate avanti di un’ora, che tradotto praticamente significa un’ora di luce in più e un’ora di sonno in meno.



Stasera, nella notte tra il 28 e il 29 marzo, ritorna l’ora legale. Alle 2 di notte le lancette degli orologi verranno spostate avanti di un’ora, che tradotto praticamente significa un’ora di luce in più e un’ora di sonno in meno.
L’ora legale è stata introdotta definitivamente nel 1966 per risparmiare sul consumo di energia elettrica, favorendo la luce solare, ma come spesso accade questi cambiamenti hanno sia dei vantaggi sia degli svantaggi, tanto che da un recente sondaggio del Codacons risulta come metà degli italiani sia favorevole, mentre l’altra metà sia contraria.
Gli effetti del cambio d’ora possono essere paragonati a quelli del “jet lag”, ovvero il disturbo che si manifesta nei viaggiatori che attraversano diversi fusi orari.
Nell’organismo umano, questo cambiamento provoca un’alterazione dell’orologio biologico, pregiudicando il benessere fisico e psicologico delle persone. Primo fra tutti è l’influenza che questo cambiamento ha sul ritmo sonno-veglia che incide sulla qualità del sonno causando stanchezza, nervosismo, difficoltà di concentrazione, ansia, mal di testa, dolori articolari e muscolari. Addirittura alcuni individui potrebbero manifestare anche stress cardiovascolare. Secondo il New England Jorunal of Medicine, l’effetto dello spostamento in avanti delle lancette si farebbe sentire nei sette giorni successivi con un aumento pari al 5% dell’incidenza di infarti del miocardio. Al contrario quando si torna un’ora indietro si assiste a una diminuzione del 21% degli eventi.
In generale, però si tratta di disturbi passeggeri, che non incidono permanentemente sulle persone, che potrebbero essere attenuati con stili di vita più salutari, attraverso una sana alimentazione e un’adeguata attività fisica, in particolare di tipo aerobico.
Questi effetti negativi sono però bilanciati da quelli positivi, infatti l’aumento delle ore di luce stimola nell’organismo la produzione di serotonina, ormone responsabile della regolazione dell’umore che accresce la sensazione di benessere oltre che di rilassamento, riducendo i livelli degli ormoni dello stress come il cortisolo e l’adrenalina. Inoltre la luce solare aumenta la produzione della vitamina D che favorisce l’assorbimento del calcio, sostenendo la salute delle ossa e dei denti, rinforza le difese immunitarie e ha proprietà benefiche contro varie malattie della pelle come psoriasi, vitiligine, dermatite atopica.
Prepariamoci dunque al conto alla rovescia, consapevoli dei suoi effetti negativi, ma anche dei suoi innegabili benefici.



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!