SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
14/04/2017, 14:24

salute, malattie respiratorie, bambini, pediatria, vaccini,



Dal-pediatra-le-regole-per-una-corretta-gestione-delle-malattie-esantematiche


 Con l’arrivo della primavera si ripresenta puntuale un picco d’incidenza di malattie esantematiche, patologie infettive di natura virale o batterica, che colpiscono principalmente la popolazione pediatrica.



Con l’arrivo della primavera si ripresenta puntuale un picco d’incidenza di malattie esantematiche, patologie infettive di natura virale o batterica, che colpiscono principalmente la popolazione pediatrica. 
Nonostante oggi molte di queste malattie possano essere prevenute grazie alla profilassi con i vaccini, negli ultimi anni si è assistito a un preoccupante calo delle vaccinazioni, che ha contribuito a favorire la rinascita di queste malattie che erano sostanzialmente scomparse. Allo scopo di offrire ai genitori un valido aiuto per gestirle al meglio, arriva dal pediatra un vademecum di utili consigli. Tra le patologie infettive più frequenti morbillo, rosolia, varicella e scarlattina si caratterizzano principalmente per la comparsa di un’eruzione cutanea che può manifestarsi con puntini rossi, macchioline o vescicole. 
A queste se ne aggiungono altre due, prive di esantema: la parotite, contraddistinta da un ingrossamento delle ghiandole salivari poste sotto i padiglioni auricolari, e la pertosse, causata da un batterio che provoca un’infezione alle vie respiratorie. Molto contagiose, sono spesso accompagnate da febbre più o meno elevata, tosse, prurito e talvolta dolore. «Ad eccezione della scarlattina, si tratta di malattie prevenibili con la vaccinazione, che rimane in assoluto la migliore arma di difesa» afferma Maurizio de Martino, ordinario di Pediatria generale e specialistica all’Università di Firenze e direttore di Clinica pediatrica 1 dell’AOU Meyer. «Colpiscono soprattutto i bambini, in quanto soggetti "vergini" dal punto di vista immunologico e quindi maggiormente ricettivi a virus e batteri. Il contagio avviene per via aerea tramite le goccioline di saliva emesse semplicemente con un colpo di tosse o uno starnuto, anche nella fase d’incubazione, prima della comparsa dei sintomi. Rispetto al passato, quando queste malattie si manifestavano soprattutto in primavera e autunno, oggi la loro stagionalità non è più così circoscritta: è vero che si registrano ancora dei picchi durante il periodo primaverile e autunnale, ma non sono così elevati come un tempo anche a causa della diminuzione nel numero di soggetti protetti dal vaccino». Ma una volta contratta la malattia, che cos’è più opportuno fare per curare i sintomi più fastidiosi e quali sono invece gli errori da evitare? «La prima regola da seguire - spiega de Martino - è quella di consultare sempre il parere del pediatra, per stabilire la diagnosi corretta e avere le indicazioni per affrontare il decorso della patologia. 
Non essendoci una cura specifica per le malattie esantematiche, l’esperto prescriverà farmaci per attenuarne i sintomi. Innanzitutto è bene sapere che, se la temperatura corporea si alza, non c’è da allarmarsi in quanto si tratta di un meccanismo di difesa dell’organismo. In presenza di febbre associata a malessere generale e dolore, si può somministrare paracetamolo, l’antipiretico e antidolorifico di prima scelta in età pediatrica: il dosaggio raccomandato è di 15 mg/Kg per singola somministrazione, ripetibile a intervalli di 6 ore per un totale di 60 mg/Kg al giorno. 
In caso di varicella per alleviare il prurito è utile l’uso di un antistaminico, così com’è opportuno disinfettare le vescicole e mantenere sempre corte le unghie del bambino, per evitare che grattandosi possa procurarsi piccole abrasioni. Una tosse secca e stizzosa può essere, invece, calmata con uno sciroppo sedativo. Attenzione all’uso corretto dell’antibiotico: è utile soltanto in caso di scarlattina e pertosse, provocate da un batterio, ma controindicato per tutte le altre malattie infettive, di origine virale. È comunque sempre fondamentale evitare il fai-da-te, attenendosi scrupolosamente ai consigli del pediatra, per scongiurare un utilizzo improprio dei medicinali, anche nel caso di farmaci cosiddetti da banco». Per aiutare i piccoli pazienti a sentirsi meglio, è molto importante prestare attenzione anche all’alimentazione. «I genitori non devono allarmarsi se il proprio figlio risulta inappetente: è normale che i bambini, quando sono ammalati, non abbiano molta fame: i virus, infatti, riducono la produzione di acido cloridrico, rendendo più difficoltosa la digestione. Non bisogna dunque costringerli a mangiare ma, piuttosto, cercare di prediligere un’alimentazione leggera, a base di cibi liquidi. È molto importante che i piccoli bevano molta acqua o succhi di frutta, per evitare il rischio di disidratazione. Inoltre, è raccomandato tenere i bambini al caldo e a riposo, limitando il contatto con altre persone, per ridurre le possibilità di contagio. E anche quando il rush cutaneo scomparirà sarà bene tenere ancora il bimbo a casa per alcuni giorni, invece di mandarlo subito a scuola o all’asilo: l’organismo, infatti, resta debilitato e il sistema immunitario può funzionare meno, esponendo il piccolo al rischio di contrarre qualche altra malattia».


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!