SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
14/04/2017, 14:11

sclerosi multipla, #ApriGliOcchi, terapie, sistema immunitario,



“#ApriGliOcchi,la-sclerosi-multipla-non-conosce-le-buone-maniere”


 È una patologia subdola la sclerosi multipla (SM), che spesso non si vede ma si sente.



È una patologia subdola la sclerosi multipla (SM), che spesso non si vede ma si sente. Un’invisibilità che è la causa prima della generale scarsa sensibilità verso una malattia autoimmune che rende invece molto difficili anche i più semplici gesti quotidiani. Uno scenario che ha convinto Roche, con il patrocinio dell’Associazione italiana sclerosi multipla (Aism), a promuovere una campagna di sensibilizzazione attraverso un video che racconta i disagi di una patologia spesso invisibile agli occhi degli altri, ma che torna a farsi sentire all’improvviso, come un dispetto, durante i piccoli gesti della vita di tutti i giorni. L’hashtag della campagna è #ApriGliOcchi e il video sarà visualizzabile e condivisibile dal 12 aprile sulla pagina Facebook "La sclerosi multipla non conosce le buone maniere" e sul canale YouTube di Roche. "La sclerosi multipla non è più misteriosa così com’era vent’anni fa - spiega Giancarlo Comi, direttore del Dipartimento neurologico e dell’Istituto di Neurologia sperimentale (Inspe) all’Istituto Scientifico San Raffaele, Università Vita e Salute di Milano - e questo lo dobbiamo a un costante impegno nella ricerca che ci permette di conoscere sempre meglio i meccanismi che ne sono alla base. Parliamo di una malattia che diventa "dispettosa" se pensiamo che irrompe nel fiore della vita delle persone. Oggi sono numerosi i farmaci disponibili che permettono a noi neurologi di dare una risposta sempre migliore alle migliaia di persone che visitiamo nei nostri centri. Ma la ricerca non si ferma e arrivano sempre nuove terapie efficaci e sicure, che agiscono in modo mirato sul sistema immunitario, come le cellule B per esempio, contrastando l’attività infiammatoria e quindi il decorso di una malattia fortemente invalidante». 
«La realtà della SM sta cambiando e con essa la qualità della vita delle persone che ne sono affette» afferma Roberta Amadeo, past president nazionale Aism. «Fondamentale è che tutti siano informati in modo serio e corretto, per sfatare falsi miti da un lato e per riconoscere sintomi subdoli e invalidanti che spesso interferiscono prepotentemente nella nostra quotidianità. 
Al crescere della consapevolezza si riduce la paura, dando la possibilità a ciascuno di noi di essere protagonista della propria vita. È un diritto che sta alla base di ogni possibilità di integrazione sociale. È ciò che AISM sta portando avanti da sempre». «La salute è sempre più online» afferma Luca Pani, rappresentante dell’Agenzia europea dei medicinali (Ema) e docente all’Università di Miami. «La tecnologia digitale applicata alla salute sarà senza dubbio sempre più rivoluzionaria, riducendo l’asimmetria delle informazioni a disposizione del medico rispetto a quelle a disposizione del paziente, in un processo di conquista della consapevolezza di sé e del controllo sulle proprie scelte che, oltre a mettere il paziente progressivamente al centro del sistema salute, permette anche una maggiore conoscenza rispetto ad alcune patologie che fino a pochi anni fa interessavano solo pazienti e addetti ai lavori. In questo contesto rientrano senza dubbio campagne di sensibilizzazione come questa che, attraverso il web, aiutano patologie non note a tutti - come la sclerosi multipla - ad essere sempre più conosciute e riconoscibili da un sempre maggior numero di persone».


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!