SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
30/03/2017, 18:14

visita, oculare, diabete, salute,



Solo-metà-dei-giovani-con-diabete-si-sottopone-a-visita-oculare-per-retinopatia-diabetica-


 Sono tanti i giovani d’età pari o inferiore a 21 anni che non si sottopongono a visite oculistiche per retinopatia diabetica entro 6 anni dalla diagnosi iniziale di diabete.



Sono tanti i giovani d’età pari o inferiore a 21 anni che non si sottopongono a visite oculistiche per retinopatia diabetica entro 6 anni dalla diagnosi iniziale di diabete. A mettere il dito nella piaga è uno studio americano pubblicato su Jama Ophthalmology, che ricorda come l’American Academy of Ophthalmology (AAO) raccomandi lo screening oftalmico a partire da 5 anni dopo la diagnosi di diabete per i giovani con diabete di tipo 1, mentre l’American Diabetes Association (ADA) lo raccomanda al momento della diagnosi per i giovani con diabete di tipo 2. 
I ricercatori Usa, coordinati da Sophia Wang della University of Michigan Medical School di Ann Arbor, hanno così scoperto che solo il 64,9% di 5453 giovani con diabete di tipo 1 e il 42,2% di 7233 giovani con diabete di tipo 2 era stato sottoposto ad esame oculare entro 6 anni dopo la diagnosi iniziale di diabete, con un tasso ancora più ridotto per i giovani neri e latini rispetto ai giovani bianchi. I giovani, inoltre, risultavano più propensi a sottoporsi ad un esame dell’occhio entro 6 anni dopo la diagnosi di diabete quando il reddito della famiglia era più elevato. 
Dati, insomma, che suggeriscono come l’adesione alle linee guida di buona pratica clinica rappresenti una sfida soprattutto per le minoranze razziali e per i giovani provenienti da famiglie meno abbienti, con l’auspicio che in futuro si possa utilizzare la telemedicina per fornire esami più capillari e a basso costo.


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!