SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
24/02/2017, 16:50

lombalgia, dolore schiena, mal di schiena lombare, terapia,



Nuove-raccomandazioni-USA-su-farmaci-e-terapie-per-combattere-il-mal-di-schiena


 Le nuove linee guida per il trattamento della lombalgia appena pubblicate su Annals of Internal Medicine, messe a punto dagli esperti dell’American College of Physicians



Le nuove linee guida per il trattamento della lombalgia appena pubblicate su Annals of Internal Medicine, messe a punto dagli esperti dell’American College of Physicians (ACP), consigliano di iniziare la cura del mal di schiena lombare acuto o subacuto con terapie NON farmacologiche tra cui massaggi, agopuntura o manipolazioni. Se un farmaco è proprio necessario, andrebbero utilizzati in prima battuta i farmaci antinfiammatori non steroidei (Fans) o i miorilassanti. 
A sostenerlo con convinzione è Nitin Damle, presidente ACP, secondo cui la lombalgia in genere migliora indipendentemente dalla cura. 
Consiglio per i medici: evitare di prescrivere test inutili e farmaci costosi (e potenzialmente dannosi), ma anche l’economico paracetamolo risultato inefficace nel dolore lombare rispetto al placebo. Stessa sorte, sebbene gli studi fossero di bassa qualità, anche per gli steroidi sistemici dimostratisi incapaci di migliorare sintomi della lombalgia acuta o subacuta. Nel mal di schiena cronico l’ACP raccomanda di preferire inizialmente la terapia NON farmacologica con esercizio fisico e riabilitazione, ma ricorrendo anche all’agopuntura, alla terapia cognitivo-comportamentale o alla manipolazione spinale. 
Anche nei pazienti con mal di schiena cronico che hanno registrato una risposta inadeguata alla terapia NON farmacologica gli esperti ACP raccomandano il trattamento con Fans come terapia di prima linea. In caso di fallimento è opportuno ricorrere a tramadolo o duloxetina come farmaci di seconda linea. Il ricorso agli oppiacei, avverte Damle, è consigliabile solo nei pazienti che non hanno risposto ad alcuno dei trattamenti sopra elencati e solamente se i potenziali benefici superano i rischi, compresi quelli derivati da dipendenza o sovradosaggio accidentale.


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!