SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
03/02/2017, 18:14

gravidanza, acido folico, tubo neurale, fabbisogno quotidiano, alimentazione,



Acido-folico,-aggiornamento-delle-linee-guida-americane-sull’integrazione-in-gravidanza


 È la Task Force di prevenzione americana (USPSTF) a raccomandare a tutte le donne in gravidanza o che la stanno pianificando di assumere un’integrazione multivitaminica con acido folico...



È la Task Force di prevenzione americana (USPSTF) a raccomandare a tutte le donne in gravidanza o che la stanno pianificando di assumere un’integrazione multivitaminica con acido folico da 0,4 a 0,8 mg al giorno per prevenire i difetti del tubo neurale nel feto. 
La raccomandazione di grado A, pubblicata su Jama, ribadisce quanto già affermato dall’ente statunitense nel 2009. I difetti di tubo neurale includono l’anencefalia e la spina bifida, e negli Stati Uniti circa 1200 gravidanze l’anno danno luogo a feti anencefalici, mentre sono circa 1500 i bambini che nascono con la spina bifida secondo i dati dei Centers for Disease Control and Prevention di Atlanta» avverte Kirsten Bibbins-Domingo, vicepresidente USPSTF e coautrice del documento. Nel riesame della letteratura sull’argomento, l’USPSTF ha selezionato 1 studio clinico randomizzato (RCT), 2 studi di coorte, 8 studi caso-controllo e 2 pubblicazioni già considerate nelle precedenti linee guida, per un totale di almeno 41.802 partecipanti studiati. 
«I dati raccolti suggeriscono che una mutazione nel gene MTHFR, che codifica per l’enzima metilen-tetraidrofolato reduttasi, è un fattore di rischio per i difetti del tubo neurale. L’enzima regola i livelli di folato e di omocisteina, e le persone con la mutazione genica hanno ridotti livelli di folato con riduzione della conversione di omocisteina in metionina e aumentato rischio di difetti del tubo neurale» spiega la ricercatrice, sottolineando che la supplementazione di acido folico può contribuire a diminuire gli effetti della mutazione genica. «L’acido folico - spiega James Mills dei National Institutes of Health (NIH) a Bethesda in Maryland - non viene prodotto dal nostro organismo e il fabbisogno quotidiano deve essere assunto con il cibo. Sono particolarmente ricche di acido folico le verdure a foglia verde, i legumi, la frutta, i cereali e il latte. Le raccomandazioni dell’USPSTF invitano tutte le donne in età fertile ad assumere supplementi di acido folico allo scopo prudenziale di ridurre il rischio di gravi difetti alla nascita della prole».


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!