SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
31/01/2017, 11:07

diabete, umore, depressione, salute,



Aumenta-il-rischio-di-depressione-e-di-ansia-nei-pazienti-con-diabete-tipo-1


 Aumenta il rischio di depressione e di disturbi dell’umore nei pazienti con diabete di tipo 1.



Aumenta il rischio di depressione e di disturbi dell’umore nei pazienti con diabete di tipo 1. A rivelarlo è un’indagine, coordinata da Oskar Mittag della Facoltà di medicina all’Università di Friburgo in Germania, pubblicato su Diabetologia. In pratica, i pazienti con peggioramento dei sintomi depressivi nel corso del tempo hanno anche uno scarso controllo glicemico dopo i primi 5 anni di malattia, accompagnato anche da una ridotta qualità di vita e una maggiore difficoltà di gestire il controllo metabolico. 

Il ricercatore e il suo gruppo hanno rianalizzato i dati di uno studio osservazionale di coorte multicentrico prospettico relativi a 313 adulti con diabete di tipo 1 evidenziando uno stretto legame tra peggioramento dei sintomi depressivi, controllo glicemico, qualità della vita, sostegno familiare percepito e disagio legato al controllo del diabete. In particolare, poco dopo la diagnosi di diabete di tipo 1, un episodio depressivo maggiore è stato diagnosticato in quasi il 6% dei soggetti, mentre l’8% soffriva di disturbi d’ansia. 

Dai dati raccolti in 5 anni emerge che nel 14% dei pazienti i sintomi depressivi sono continuamente peggiorati nel tempo e in totale il 18% dei partecipanti ha riferito sintomi depressivi anche dopo questo lungo periodo di osservazione. Segni che gli individui con diabete di tipo 1 hanno un rischio di depressione e ansia maggiore rispetto ai controlli non diabetici, che può essere ridotto grazie a interventi psicologici mirati.  «Servono comunque ulteriori ricerche per determinare l’andamento della depressione nei pazienti con diabete - avverte François Pouwer del Dipartimento di psicologia alla University of Southern Denmark di Odense - allo scopo di produrre adeguate linee guida sull’efficacia della psicoterapia nella cura di questa malattia». 


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!