SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
18/01/2017, 16:52

Lordosi, nervo sciatico, postura, lavoro, problemi, salute,



Postura-scorretta-e-vita-sedentaria-le-cause-di-mal-di-schiena-in-metà-dei-giovani-


 Avere vent’anni non significa automaticamente essere esenti da malanni e acciacchi.



Avere vent’anni non significa automaticamente essere esenti da malanni e acciacchi. Lordosi e dolori al nervo sciatico rappresentano spesso i disturbi più diffusi, ma non mancano all’appello anche problemi a carico della colonna vertebrale. Sempre più giovani, infatti, soffrono quotidianamente di mal di schiena: 5 su 10, secondo la Società italiana di ortopedia e traumatologia (Siot). A detta degli esperti i ragazzi si muovono poco e stanno molto tempo davanti a computer o tablet: il dolore è conseguenza di posture scorrette. A rischio di lombalgia sono soprattutto gli under 30, che passano fino a 10 ore al giorno a navigare sul web dal divano.
«Ad oggi le patologie della colonna vertebrale, molto diffuse e causa anche di disagio sociale, non sono più appannaggio soltanto della terza età», avverte Marcello Bartolo, responsabile dell’Unità di Neuroradiologia diagnostica e terapeutica dell’Irccs Neuromed di Pozzilli, Isernia. «Molti giovani, anche praticanti attività sportive sono soggetti a ernie del disco o sindromi dolorose lombari. Sempre più spesso giungono pazienti giovani tra i 20 e i 30 anni, in particolare ragazze, con patologie della colonna vertebrale che conducono una vita sedentaria e spesso anche obesi. Per prevenire tali condizioni morbose della colonna vertebrale è necessaria una giusta e moderata attività sportiva per la correzione soprattutto delle posture sbagliate». 
«Nell’Unità diagnostica e terapeutica che dirigo, dove nel 2016 sono state effettuate oltre 80 mila prestazioni - prosegue lo specialista - vengono eseguiti esami di vario tipo, da quelli radiografici diretti del cranio e della colonna, allo studio Tac o RM di tutte le patologie del sistema nervoso centrale. Non solo dal punto di vista diagnostico, ma anche dal punto di vista terapeutico». 


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!