SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
13/01/2017, 14:07

incubi notturni, incubi notturni, bambini,



Incubi-e-terrore-notturno-disturbano-il-sonno-di-150-mila-bambini-italiani


 Sono gli incubi notturni e gli attacchi di pavor nocturnus i due disturbi del sonno più diffusi tra i bambini di 2-12 anni, che tuttavia tendono a scomparire con la crescita.



Sono gli incubi notturni e gli attacchi di pavor nocturnus i due disturbi del sonno più diffusi tra i bambini di 2-12 anni, che tuttavia tendono a scomparire con la crescita. «Il terrore (pavor) - spiega Italo Farnetani, ordinario di Pediatria alla Libera Università Ludes di Malta - insorge durante il sonno, nella prima metà della notte: il bambino si solleva dal letto con pianti e urla, spesso con occhi sbarrati ma senza vedere chi ha di fronte. In effetti sta ancora dormendo, si trova nella fase del sonno non-REM, e il mattino dopo non avrà memoria di ciò che è accaduto».
Inutile cercare di svegliarlo, «mentre se si tenta di consolarlo - aggiunge il pediatra - di solito reagisce con maggior terrore. L’attacco può durare da pochi minuti ad oltre mezz’ora. Bisogna dire, però, che si tratta di qualcosa di diverso da un incubo o da attacchi di sonnambulismo: il bimbo in realtà sta ancora dormendo. Ecco perché, per tranquillizzarlo, può essere utile parlargli dolcemente per aiutarlo a calmarsi e a riprendere a dormire tranquillamente. Al contrario l’incubo si manifesta nella seconda parte del sonno, quella in cui si sogna. È in effetti un sogno pauroso spaventoso, che porta il bambino a svegliarsi in preda al terrore, con pianti e grida. In questi casi il piccolo va coccolato e rassicurato, abbracciato e aiutato a rilassarsi per poter riprendere il sonno bruscamente interrotto».
Quando gli episodi sono sporadici non ci si deve allarmare, e il bambino va in tutti i casi sempre rassicurato. In genere dopo i 12 anni i disturbi tendono a risolversi da soli. In caso di dubbi o episodi ripetuti, conclude l’esperto, è bene parlarne con il pediatra di famiglia.


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!