SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
02/12/2016, 12:59

scarpa, gondola, anti-parkinson, terapia,



Nullaosta-della-FDA-verso-il-lancio-USA-della-scarpa-svizzera-anti-Parkinson-


 La scarpa anti-Parkinson Gondola®, il dispositivo made in Svizzera che promette di migliorare la camminata dei pazienti colpiti dalla malattia neurologica attraverso la stimolazione meccanica di specifiche zone del piede, procede a passo spedito vers



La scarpa anti-Parkinson Gondola®, il dispositivo made in Svizzera che promette di migliorare la camminata dei pazienti colpiti dalla malattia neurologica attraverso la stimolazione meccanica di specifiche zone del piede, procede a passo spedito verso l’ingresso sul mercato americano. La Food and Drug Administration (FDA) ha infatti inserito la scarpa nell’elenco dei dispositivi medici prioritari che offrono una risposta terapeutica e rispondono a necessità non soddisfatte delle persone affette da patologie croniche e debilitanti. 
Grazie a questo riconoscimento, ottenuto a soli 4 mesi dall’avvio delle pratiche con l’agenzia, la procedura per il lancio Usa di Gondola seguirà un iter prioritario e accelerato, informa la società produttrice che ritiene di poter completare tutte le attività necessarie per arrivare al via libera finale della Fda entro i prossimi 12 mesi. Il dispositivo è già disponibile sul mercato europeo dal 2012, utilizzato e studiato da équipe specialistiche anche in Italia. Si tratta del primo device medico per il trattamento non invasivo dei disturbi di equilibrio e cammino nella malattia di Parkinson che promette maggiore efficacia nelle fasi di malattia intermedia e avanzata, quando i pazienti hanno una risposta via via meno soddisfacente agli approcci terapeutici tradizionali.
La stimolazione automatica meccanica periferica (AMPS), così viene chiamata la terapia erogata da Gondola, aiuta a ridurre la lentezza nei movimenti (bradicinesia) e migliora l’equilibrio diminuendo il rischio di cadute. È inoltre la prima a risultare efficace contro il cosiddetto "freezing" della marcia (blocco motorio, esitazione nel cammino), sintomo fastidioso e invalidante che risponde male ai farmaci. I calzari vengono utilizzati con il paziente in posizione sdraiata; la stimolazione dura meno di 2 minuti e i benefici permangono da 3 a 5 giorni, prima che il trattamento debba essere ripetuto. 
L’intervento di un operatore specializzato è richiesto solo per la configurazione iniziale e per la manutenzione periodica (per esempio la sostituzione delle batterie ogni 6 mesi). A Leeds, in Gran Bretagna, sono stati presentati i risultati preliminari di uno studio clinico con controllo placebo dell’University of Health Sciences di Porto Alegre in Brasile condotto su 30 pazienti con malattia di Parkinson e sintomo del freezing della marcia, sottoposti per 4 settimane a un ciclo di 8 stimolazioni Gondola ma non a trattamento farmacologico.
Oltre a confermare i benefici sul freezing, il lavoro punta a valutare le modificazioni indotte dal dispositivo sui livelli di Brain derived neurotrophic factor (BDNF) e su quelli di cortisolo nel sangue. Il BDNF è una neurotrofina prodotta dal cervello fondamentale per mantenere la plasticità sinaptica e proteggere i neuroni dalla morte, ma presente in quantità ridotte nei malati di Parkinson. Al contrario il cortisolo favorisce la degenerazione e la morte neuronale, in particolare a livello dell’ippocampo. I risultati preliminari dello studio mostrano un incremento di BDNF e un calo del cortisolo dopo il ciclo medico con la scarpa anti-Parkinson. 
Previsto, infine, per gennaio 2017 l’avvio un nuovo studio multicentrico internazionale su oltre 160 pazienti, che riceveranno 2 cicli di 6 stimolazioni ciascuno vs placebo nell’arco di 6 settimane. La ricerca sarà condotta dall’University of Health Sciences di Porto Alegre, insieme a Irccs San Raffaele Pisana di Roma, Università Campus Biomedico di Roma e Dipartimento di Scienze neuroriabilitative-Casa di cura Policlinico di Milano. I dati raccolti verranno analizzati dal Dipartimento di Elettronica, informatica e bioingegneria del Politecnico di Milano. Durante lo studio verranno effettuate ai pazienti oltre 2 mila stimolazioni con circa 960 verifiche cliniche e strumentali, che includeranno valutazioni con accelerometri indossabili e test clinici.


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!