SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
25/11/2016, 17:32

mucuna pruriens, legume, Parkinson, propriet nutrizionali,



Ricerca,-scoperto-legume-anti-Parkinson-in-grado-di-attenuarne-i-sintomi-della-malattia


 La mucuna pruriens, un legume diffuso in alcune aree equatoriale e utilizzato come fertilizzante in molti Paesi del Sud del mondo, è in grado di attenuare i sintomi del Parkinson



La mucuna pruriens, un legume diffuso in alcune aree equatoriale e utilizzato come fertilizzante in molti Paesi del Sud del mondo, è in grado di attenuare i sintomi del Parkinson proprio come fa la levodopa, il farmaco più diffuso contro la malattia neurologica. Lo confermano gli esperti dell’ASST Gaetano Pini-Cto di Milano, che sul "legume dei poveri" hanno condotto in Bolivia uno studio clinico. 
Nel loro studio sulla mucuna, i ricercatori del Centro per la malattia di Parkinson e i disturbi del movimento del Pini-CTO di Milano, diretto dal presidente dell’Associazione italiana parkinsoniani (AIP) Gianni Pezzoli, hanno misurato i miglioramenti nella mobilità dei pazienti che assumono il legume. Si tratta di un alimento naturalmente ricco di levodopa, da consumare saltato in padella e triturato. La varietà della pianta coltivata in Bolivia ha un contenuto di levodopa pari al 5,7% del peso. Gli esperti hanno valutato le capacità di movimento dei pazienti dopo 90 e 180 minuti dall’assunzione della mucuna, e hanno misurato quanto impiegava il legume per fare effetto e quanto durava il suo beneficio. I dati più rilevanti sono stati osservati somministrando una quantità di mucuna che conteneva livelli di levodopa 5 volte superiori a quelli normalmente usati nei farmaci. La capacità di muoversi dei pazienti trattati in questo modo era maggiore rispetto a chi aveva assunto i tradizionali farmaci, sia dopo 90 sia dopo 180 minuti. La mucuna risultava efficace prima e più a lungo, nonché più tollerata. È stata testata anche una dose inferiore di mucuna, con un contenuto di levodopa 3,5 volte superiore a quello dei comuni farmaci. Anche in questo caso si sono visti gli stessi effetti delle terapie farmacologiche. 
«L’impiego della mucuna pruriens - precisa Pezzoli - va inteso come un’importante opportunità per trattare i pazienti con malattia di Parkinson in quei paesi dove le terapie farmacologiche risultino troppo costose per i sistemi sanitari nazionali e per i malati stessi. Va ricordato invece che in Italia, dove le terapie farmacologiche tradizionali sono disponibili gratuitamente grazie al SSN, non è necessario indirizzare i pazienti verso questo tipo di terapia».


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!