SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
28/10/2016, 13:30

campi sportivi, erba sintetica, germi, focolai,



Fitness,-campi-in-erba-sintetica-si-rivelano-un-vero-e-proprio-focolaio-di-patogeni-


 Presenza di Escherichia coli, stafilococchi e carica batterica aerobia totale sui campi in erba sintetica degli impianti sportivi...



Presenza di Escherichia coli, stafilococchi e carica batterica aerobia totale sui campi in erba sintetica degli impianti sportivi (campi di calcio, calcetto, tennis), che si rivelano focolai di microrganismi potenzialmente dannosi per la salute degli sportivi. A lanciare l’allarme è Cinzia Randazzo, docente di Microbiologia agroalimentare dell’Università di Catania, sulla base di uno studio condotto le scorse settimane sugli impianti sportivi. Si calcola che in Italia siano oltre 2000 i campi in erba sintetica, soprattutto di calcio e calcetto, diffusi in tutta la Penisola per lo più al Sud.
«Con l’obiettivo di stimare il grado di contaminazione di campi sportivi in erba artificiale - spiega la microbiologa - abbiamo effettuato analisi su svariati punti del manto in differenti impianti sportivi, con differenti gradi di usura. I risultati, simili tra i campi, hanno evidenziato una carica microbica totale pari a 10.000 unità formanti colonie (UFC)/cm2, presenza di stafilococchi pari a 1000 UFC/cm2 e di Escherichia coli pari a 100 UFC/cm2. È la prima indagine sullo stato di contaminazione dei campi in erba».
«I risultati del tutto preliminari - continua l’esperta - pongono le basi per ulteriori indagini microbiologiche, sia per comprendere l’origine della contaminazione e dello sviluppo microbico (acqua impiegata per il lavaggio dei campi, calpestio dei giocatori, gocce di sudore e di sangue disperse per piccole abrasioni, sputi, condizioni climatiche), sia soprattutto per mettere a punto soluzioni efficaci per garantire la qualità igienico-sanitaria degli impianti sportivi a tutela della salute di chi li frequenta, soprattutto giovani e giovanissimi».



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!