SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
21/10/2016, 13:28

infezioni, animali, domestici, salute,



Attenzione-alle-infezioni-trasmesse-da-animali-domestici-comuni-ed-esotici


 Cani, gatti, rettili che siano, verso i nostri amici animali dobbiamo sempre avere cura ed essere consapevoli che possono rappresentare serbatoi di infezioni trasmissibili ad altri animali e all’uomo.



Cani, gatti, rettili che siano, verso i nostri amici animali dobbiamo sempre avere cura ed essere consapevoli che possono rappresentare serbatoi di infezioni trasmissibili ad altri animali e all’uomo. È questo uno dei temi "caldi" sul tavolo della discussione del 15° Congresso internazionale della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit), che ha da poco chiuso i battenti a a Baveno dopo aver riunito più di 800 specialisti dall’Italia e dall’estero.
Particolare attenzione è stata dedicata alle patologie di frontiera tra animali, da compagnia o da reddito, e l’uomo «a partire dalla Leishmaniosi - spiega Massimo Galli, vicepresidente Simit e docente di Malattie infettive all’Università di Milano - il cui serbatoio tra i cani si va allargando. Non dimentichiamo quanto è accaduto negli scorsi anni in Spagna (area di Madrid) dove si è diffusa un’importante epidemia nell’uomo originata da un serbatoio alternativo, le lepri selvatiche di un parco pubblico, e dalla grande disponibilità di vettori come i pappataci grazie probabilmente a fattori climatici favorevoli».
Ma le case degli italiani non solo popolate solo da cani e gatti. «Quando l’animale domestico è un rettile, una tartaruga o un’iguana - prosegue Galli - è imperativo maneggiarlo con cura. Le feci di questi animali ospitano di regola salmonelle in grado di infettare anche l’uomo. I ratti domestici, recentemente tornati di moda, possono diventare portatori del virus Seul (si segnalano casi in Inghilterra e in Danimarca), responsabile della febbre emorragica coreana con sindrome renale. Mettersi in casa un animale selvatico poco noto può riservare brutte sorprese». 
L’anno scorso, ricorda l’esperto, sono stati segnalati in Germania 3 decessi in persone con un unico punto in comune: essere allevatori di un grazioso scoiattolo dell’America Centrale (Sciurus variegatoides) che ha trasmesso loro un virus precedentemente sconosciuto, e a maggior ragione mai osservato dall’uomo, causando un’encefalite mortale. Della serie il vaso di Pandora è ancora e sempre pieno.



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!