SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
07/10/2016, 17:40

visita oculistica, vista, occhiali, occhio,



Per-gli-italiani-sempre-più-renitenti-alla-visita-di-controllo-oculistica-parte-VISTATOUR-2016


 Quasi 7 italiani su 10 (66%) soffrono di un difetto della vista, ma la stragrande maggioranza di loro diserta in massa le visite specialistiche.



Quasi 7 italiani su 10 (66%) soffrono di un difetto della vista, ma la stragrande maggioranza di loro diserta in massa le visite specialistiche. Il 50% degli adulti fra i 40 e i 65 anni non si sottopone a un controllo da più di 2 anni o utilizza dispositivi di correzione obsoleti o non appropriati; il 70% dei genitori ritiene che una visita oculistica "non sia strettamente necessaria", mentre il 60% dei bambini non ne ha mai fatta una. La Commissione difesa vista (CDV) onlus rilancia l’allarme promovendo "VISTATOUR 2016": dal 6 al 27 ottobre, in occasione del Mese della vista, un tir attrezzato ad ambulatorio su 4 ruote percorrerà Lazio, Sardegna, Liguria e Toscana per offrire screening visivi gratuiti. Con lo slogan "Ci vediamo?" la campagna farà tappa in 13 città italiane.
Sul tir della vista medici oculisti e ottici saranno a disposizione dei cittadini per diffondere la cultura della prevenzione, sensibilizzandoli sull’importanza di salvaguardare il benessere visivo. Raccolta di dati refrattivi, esame della refrazione e test di Amsler saranno effettuati dagli ottici, mentre gli oculisti procederanno ad esaminare il fondo oculare per evidenziare la presenza di eventuali patologie. Al termine del check-up sarà rilasciato un foglio con gli esiti dello screening che rappresenterà un’indicazione utile in vista di controlli più approfonditi. Il calendario completo della campagna, con l’elenco delle città e l’ubicazione del tir, è in continuo aggiornamento al sito www.c-d-v.it.
«I numeri sull’impatto dei difetti visivi e della diffusione di patologie oculari sono spesso dovuti all’assenza di prevenzione», afferma Vittorio Tabacchi, presidente CDV. «Per questo vogliamo continuare a lavorare in modo capillare, in particolare per sensibilizzare i genitori sulla salute degli occhi dei bambini, sempre più esposti a diversi dispositivi».
Secondo l’American optometric association (AOA) l’83% della popolazione giovanile utilizza schermi digitali per 3 o più ore al giorno; ogni americano possiede in media 4 dispositivi digitali sui quali trascorre 60 ore a settimana, tanto che il 70% soffrirebbe di affaticamento visivo che, oltre a irritare gli occhi, causa mal di testa e dolori al collo e alla schiena. 


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!