SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
16/09/2016, 14:48

agrumi, sovrappeso, obesit, flavanoni,



Contro-i-danni-da-sovrappeso-e-obesità-potrebbero-rivelarsi-utili-i-flavanoni-degli-agrumi


 Consumare agrumi potrebbe aiutare a limitare i danni indotti da sovrappeso e obesità.



Consumare agrumi potrebbe aiutare a limitare i danni indotti da sovrappeso e obesità. A sostenerlo è uno studio dell’Universidade Estadual Paulista (Unesp) brasiliana, presentato al Meeting 2016 dell’American chemical society (ACS) di Philadelphia, secondo cui gli agrumi proteggono dai danni causati dall’obesità su cuore e fegato, e rappresentano un possibile scudo anche contro il rischio di diabete associato a sovrappeso. Il segreto? I flavanoni come esperidina, eriocitrina ed eriodictiolo contenuti negli agrumi, una famiglia di sostanze antiossidanti in grado di combattere i radicali liberi prodotti da un’alimentazione ad alto tenore lipidico. «I nostri risultati - spiega la ricercatrice Paula Ferreira - indicano che in futuro potremmo utilizzare i flavanoni degli agrumi per prevenire o ritardare malattie croniche provocate dall’obesità nell’uomo».
Resta da verificare se nell’uomo agiscono come nei modelli animali e quale sia il modo migliore di assumerli (in pillola, spremuta o sotto forma di frutto mangiato in purezza), ma la strada verso nuove strategie di prevenzione all’arancia o al limone sembra aperta. Con regimi dietetici iperlipidici le cellule adipose producono specie reattive dell’ossigeno in eccesso responsabili di danni alle cellule dell’organismo. Per difendersi il corpo cerca di contrastare tali molecole dannose producendo molecole antiossidanti, ma in caso di obesità i radicali liberi vengono liberati in quantità troppo grandi per poter essere contenuti dai mezzi a disposizione dell’organismo. 
«Benché i topi trattati con flavanoni non siano dimagriti - spiega la scienziata brasiliana - alla fine della sperimentazione sono risultati più sani e con livelli ridotti di stress ossidativo, danni epatici, zuccheri e lipidi nel sangue. Inoltre, la ricerca indica che consumare agrumi probabilmente aiuta anche le persone non obese, ma a rischio di malattie cardiovascolari, insulino-resistenza e obesità addominale a causa di un regime dietetico iperlipidico». 



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!