SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
16/09/2016, 14:33

cuore sano, alimentazione, potassio, frutta, verdura,



Come-mantenere-il-cuore-in-salute-portando-in-tavola-alimenti-fonti-di-potassio


 Può affaticare il cuore l’eccessiva attività fisica senza adeguato allenamento, favorita dagli sbalzi termici caratteristici della stagione estiva ormai alla fine.



Può affaticare il cuore l’eccessiva attività fisica senza adeguato allenamento, favorita dagli sbalzi termici caratteristici della stagione estiva ormai alla fine. Un fenomeno che è possibile arginare a tavola, come sostiene una recente metanalisi del Centro di ricerca Nestlé di Losanna, grazie al consumo di alimenti ricchi di potassio in grado di proteggere il muscolo cardiaco. Lo studio, pubblicato sul Journal of Hypertension, dimostra che assumere almeno 3,51 g di potassio al giorno, secondo le linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), contribuirebbe a ridurre la pressione arteriosa nei soggetti non sottoposti a trattamento antipertensivo con i farmaci, così come a ritardarne la comparsa o ad attenuarne la gravità. Per assumere più potassio si possono consumare banane, pesche, pomodori, rucola, salmone e pollo.
«È bene, però,  tenere in considerazione sia la stagionalità degli alimenti sia la quantità di acqua contenuta in essi», consiglia Giuseppe Fatati, presidente della Fondazione ADI (l’Associazione italiana di dietetica e nutrizione clinica) e coordinatore scientifico dell’Osservatorio Nestlé. Ma ricorda anche quanto sia «sempre importante, comunque, non dare a un singolo alimento il valore di un farmaco o sperare che da solo possa modificare gli effetti negativi di un stile di vita non salutare». 
Ecco, dunque, come fare il pieno di potassio a tavola.

Avocado. Ricco di acqua e fibre, nonché di vitamine rare che in molti alimenti non si trovano facilmente, come quelle del gruppo B e K, si presenta come una miniera di sali minerali come potassio (K), magnesio (Mg) e calcio (Ca). I grassi buoni in esso contenuti, Omega 3 e acido linoleico, sono indispensabili per l’apparato cardiocircolatorio e il cuore.

Banana. L’alimenti ricco di potassio che viene immediatamente in mente. Non si tratta di un falso mito: le banane sono particolarmente indicate prima o subito dopo l’attività sportiva in quanto molto energizzanti e ricche di minerali, oltre al potassio, come ferro (Fe) e magnesio.

Pesca. Oltre a essere ricca di potassio, è un’ottima fonte di vitamine C e A e, grazie alla sua composizione caratterizzata dal 90% di acqua, è un alimento particolarmente dissetante, perfetto per l’allenamento e i climi caldi.

Pomodoro. Ricco di acqua ed eccellente fonte di vitamina A e vitamina C, oltre che di potassio, fibre e licopene. L’insieme di nutrienti presenti nei pomodori può contribuire a prevenire le malattie cardiovascolari.

Salmone. Ricco di Omega 3, ha un’elevata concentrazione sia di acqua sia di potassio: in particolare, un filetto da 100 g ne contiene circa 490 mg.



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!