SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
09/09/2016, 18:06

meningite, infezione meningi, vaccini, antimeningococco,



Contro-la-meningite-infettiva-la-migliore-difesa-è-la-prevenzione-attraverso-la-vaccinazione


 Mal di testa, mal di gola, febbre, disturbi visivi, vomito e/o rigidità nucale. Sono questi i sintomi da non sottovalutare quando si sospetta un’infiammazione delle meningi probabilmente causata da un’infezione da patogeni...



Mal di testa, mal di gola, febbre, disturbi visivi, vomito e/o rigidità nucale. Sono questi i sintomi da non sottovalutare quando si sospetta un’infiammazione delle meningi probabilmente causata da un’infezione da patogeni. «In questi casi occorre subito farsi visitare - avverte Giorgio Palù, direttore dell’UO Microbiologia e virologia dell’Ospedale universitario di Padova e presidente della Società europea di virologia (SEV). «Per chi è entrato in contatto con soggetti infetti, invece, è indicata la profilassi che è molto semplice: si attua con una compressa di ciprofloxacina. Ma l’arma migliore rimane sempre la prevenzione».
Nel 2014, secondo i dati dell’Istituto superiore di sanità, sono stati segnalati 163 casi di infezione da meningococco, con un’incidenza pari a 0,27 casi per 100 mila in linea con i 2 anni precedenti. Secondo i dati dell’Istituto superiore di sanità (ISS), nella maggior parte delle regioni l’andamento è pressoché stabile, mentre si segnala nei dati provvisori del 2015 un aumento di casi di meningococco di tipo C in giovani adulti. «Ogni anno ci sono alcuni focolai epidemici, per esempio quello in Toscana» spiega il microbiologo padovano. «Certo il caso della giovane morta in Lombardia e poi questo della ragazza romana suscitano scalpore, ma bisogna ricordare che questo batterio, invasivo per natura, può essere fulminante». L’incidenza della malattia invasiva da meningococco è maggiore nella fascia di età tra 0 e 4 anni, in particolare nel primo anno di vita (in cui l’incidenza supera i 4 casi per 100 mila), ma resta elevata fino ai 15-24 anni. 
«La miglior difesa - sottolinea l’esperto - resta la prevenzione attraverso la vaccinazione. L’informazione sul sierogruppo permette di valutare la quota prevenibile con i diversi vaccini disponibili in Italia (contro il sierotipo C, contro i sierotipi ACWY e contro il sierotipo B). In particolare, la vaccinazione contro il meningococco B rappresenta un vanto italiano, in quanto è stata messa a punto a Siena».
«Oggi i vaccini antimeningococco - aggiunge Palù - sono più sicuri dei vecchi, danno una risposta molto forte e, pur se non sono obbligatori, vengono offerti alla popolazione in tutte le regioni italiane. Dunque, è bene vaccinarsi».



1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!