SALUTE CHE FARE | Testata Giornalistica on-line

Numero di iscrizione al Registro Stampa 12/2015
Registrata con Ordinanza del 10 Giugno 2015 dal Tribunale di Modena
 
{
salute-che-fare-educami-home

Benvenuto su

SALUTE CHE FARE!

La salute è caratterizzata non solo dall’assenza di malattia,  ma anche da un equilibrio dinamico di benessere fisico, emotivo, sociale e intellettuale. Nutrizione e corretta educazione alimentare sono quindi basi fondamentali di questa armonia.

Progetto realizzato da MediaSalus Srl 

Via Che Guevara, 7/a - 41122 Modena - Tel. 059-8637125 - e-mail info@salutechefare.it - P.Iva 03535570364
 
salute-che-fare
area-riservata-farmacie-salute-che-fare

CEFALEE

 

LE CEFALEE

Responsabile Scientifico Canale Cefalee:
Dr.ssa Sheila Leone - Specialista in Farmacologia
09/09/2016, 17:54

alimentazione, obesit infantile, sindrome metabolica, salute,



Obesità-infantile-mette-a-repentaglio-la-salute-del-fegato-soprattutto-nei-maschi


 Una cattiva alimentazione in età evolutiva non è unicamente responsabile di obesità infantile, ma anche di malattie croniche come...



Una cattiva alimentazione in età evolutiva non è unicamente responsabile di obesità infantile, ma anche di malattie croniche come la sindrome metabolica con ricadute negative soprattutto sul fegato. A confermarlo è un’indagine, pubblicata su Plos One, su ciò che accade al fegato quando in età pediatrica prevale una dieta a base di cibo spazzatura e zuccheri. Risultato: la progressione di un’eventuale malattia epatica è più veloce, con prognosi generalmente più grave rispetto agli adulti, soprattutto nei maschi.
Lo studio prende le mosse da un modello animale (topo) sviluppato dalla Fondazione italiana fegato (FIF) nei laboratori dell’Area Science Park. Il modello riproduce l’insorgenza della sindrome metabolica in età infantile con le sue implicazioni a carico del fegato, le cui cellule arrivano a non essere più in grado di smaltire l’eccesso di grasso con insorgenza di steatosi epatica non alcolica e steatoepatite non alcolica (NASH).
Un rischio sul quale punta il dito anche l’Oms Europa, che sottolinea la necessità di migliorare la nutrizione materna e del primo periodo di vita del bambino, con l’obiettivo di diminuire il rischio di malattie croniche compresa l’obesità. 
«Considerando che l’obesità infantile è in esplosione anche da noi e che il danno al fegato da sindrome metabolica diventerà la principale causa di trapianto di fegato - commenta Claudio Tiribelli, direttore FIF e coautore dello studio - questa sarà un’ottima piattaforma per studiare i meccanismi che portano al danno, capire le differenze maschio-femmina e testare farmaci e approcci diagnostici efficaci».


1
Create a website


Registrati Gratuitamente

È IMPORTANTE SAPERE CHE:

La registrazione è necessaria per accedere ai servizi esclusivi di Salute Che Fare e per ricevere BUONI SCONTO sui prodotti e consulenze nutrizionali dalla tua farmacia di zona!